Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
06.04.21 - 09:130

«Case anziani abbandonate e disprezzate con il Covid-19»

Il 42% dei direttori interpellati ha dichiarato di non aver ricevuto alcun sostegno da parte del Governo

Il questionario è stato inviato a oltre 1'400 strutture svizzere, nelle quali vivono più di 160'000 persone. A loro avviso, inoltre, si sarebbero potuti evitare dei decessi se tutti i residenti fossero stati regolarmente sottoposti a tampone.

BERNA - I responsabili delle case di cura e di riposo sono molto critici riguardo all'operato delle autorità federali e cantonali nel quadro della crisi sanitaria scatenata dal coronavirus. Gli istituti si sono sentiti abbandonati e talvolta addirittura disprezzati, emerge da un sondaggio.

L'inchiesta si può leggere oggi sui quotidiani appartenenti al gruppo Tamedia. In totale, il 42% dei direttori interpellati ha dichiarato di non aver ricevuto alcun sostegno da parte dei governi, oppure di averne ottenuto uno insufficiente.

L'impressione è quella di essere stati «lasciati soli» di fronte al Covid-19: un'assenza istituzionale che è perdurata per tutto il 2020. Anche se questa sensazione è calata nella seconda ondata, resta troppo elevata, fanno notare i professionisti del settore.

Il questionario è stato inviato a oltre 1'400 strutture svizzere, nelle quali vivono più di 160'000 persone. Circa un quarto dei responsabili, principalmente di case di cura e di riposo ubicate nella Svizzera tedesca, ha risposto alla quarantina di domande poste.

In molti si sono pure lamentati della lacunosa strategia di test del Consiglio federale. A loro avviso si sarebbero potuti infatti evitare dei decessi se tutti i residenti fossero stati regolarmente sottoposti a tampone per scovare i casi asintomatici, ha per esempio evidenziato il capo di cure infermieristiche di un istituto di Arbon (TG).

I regolamenti spesso contraddittori, con scadenze decisamente troppo brevi, hanno anche suscitato forti critiche. Stesso discorso per la carenza del materiale di protezione (gel disinfettante e mascherine chirurgiche in primis).

Numerosi direttori non hanno poi per niente gradito il fatto che, in alcuni casi, l'amministrazione abbia tentato di appioppar loro l'intera responsabilità dei problemi emersi. Tra l'altro, in parecchi hanno dovuto assumersi i notevoli costi supplementari legati all'equipaggiamento protettivo, imposto ma non finanziato dai Cantoni, così come quelli dei test. Solo a dicembre la Confederazione è intervenuta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
BERNA
5 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
21 ore
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
SVIZZERA
23 ore
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
1 gior
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
ZERMATT
1 gior
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
SVIZZERA
1 gior
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
1 gior
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile