Immobili
Veicoli
keystone
Una veduta di St. Moritz
SVIZZERA
24.03.21 - 11:270

Le località per ricchi sono diventate più care

A St. Moritz, Gstaat e Verbier i prezzi delle case sono schizzati in alto con la pandemia

ZURIGO - È corsa alle case di vacanza in Svizzera, sulla scia delle restrizioni di viaggio dovute alla pandemia e alle raccomandazioni per il telelavoro: stando a uno studio pubblicato oggi da UBS, nel 2020 i prezzi delle abitazioni sono saliti in media del 4% rispetto all'anno precedente, con una crescita che ha interessato in particolare i luoghi più esclusivi.

Nelle destinazioni che vedono il valore delle proprietà superare i 10'000 franchi al metro quadrato i prezzi di acquisto registrano un'impennata in media dell'8%. Nelle località di villeggiatura più economiche, invece, la progressione è stata appena del 2% e in quasi la metà di esse i prezzi sono addirittura leggermente calati: gli adeguamenti più forti verso il basso si registrano a Samnaun (GR), con un calo di quasi il 5%, e a Flumseberg (SG), che segna -3%.

Sul fronte opposto, la destinazione turistica Engadina/St. Moritz (GR) si conferma la più cara dell'intero arco alpino. In quella zona una residenza secondaria di fascia superiore costa circa 17'000 franchi al metro quadro, il 7% in più rispetto al 2019. Al secondo posto segue Gstaad (BE) con 16'500 franchi (+5%) e al terzo Verbier (VS), con 14 600 franchi (+9%). Al quarto e quinto rango figurano due centri per sport invernali stranieri, l'austriaca Kitzbühel e la francese Courchevel, con prezzi in entrambi i casi di circa 13'500 franchi.

Stando agli esperti di UBS la corsa alle seconde case mostra uno spostamento nelle preferenze delle famiglie elvetiche. A causa delle restrizioni di viaggio dettate dal Covid-19 l'anno scorso un numero complessivamente maggiore di svizzeri ha trascorso le proprie vacanze in patria: i luoghi di villeggiatura locali hanno ridestato interesse quasi da un giorno all'altro. Inoltre la possibilità di spostare su due piedi l'ufficio in montagna ha fatto sembrare l'acquisto di una casa di vacanze un'esperienza speciale.

Questo tipo di immobili guadagnano però attrattiva anche per gli acquirenti stranieri. Godono infatti in generale della reputazione di un investimento sicuro, diventando così ancora più richiesti, in tempi di incertezza economica. Inoltre negli ultimi cinque anni i prezzi per le case di vacanze in Austria e Germania sono aumentati maggiormente rispetto a quanto successo in Svizzera, cosa che ha controbilanciato almeno in parte lo svantaggio del prezzo e del cambio.

Il forte aumento dei prezzi è stato favorito, inoltre, dalla scarsissima offerta, soprattutto nelle regioni tedescofone della Confederazione. In generale dall'adozione dell'iniziativa sulle residenze secondarie praticamente non sono state costruite nuove case di questo tipo. È anche probabile che i proprietari abbiano prorogato una vendita programmata l'anno scorso perché volevano sfruttare ancora il loro immobile durante la crisi del coronavirus.

Secondo UBS, il costo delle case di vacanza dovrebbe salire anche quest'anno. Tuttavia sul medio termine la domanda tornerà a calare, a fronte di prezzi più elevati e, di conseguenza, della sempre minore sostenibilità. È inoltre probabile che molte decisioni di acquisto vengano anticipate: così appena calerà lo "smart working" e i viaggi all'estero saranno più facili la richiesta si abbasserà a un livello inferiore rispetto a quella registrata prima della pandemia.

Sempre stando agli esperti dell'istituto delle tre chiavi l'offerta è destinata ad aumentare: peseranno infatti i costi di mantenimento sottostimati, i rendimenti da affitti a turisti sopravvalutati o semplicemente il desiderio di varietà nella destinazione delle vacanze, fattori che spingeranno alcuni dei più giovani proprietari - che hanno acquistato d'impulso - a ripensarci e a vendere di nuovo. Tuttavia il possibile contraccolpo dovrebbe essere limitato, per via dello stop alla costruzione di residenze secondarie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
3 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
5 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
7 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
8 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
9 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
11 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
11 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
17 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile