Immobili
Veicoli
keystone
SVIZZERA
18.03.21 - 20:100

Stanchi, ma fiduciosi

Cosa pensano gli svizzeri della pandemia? E del governo? Il sondaggio della SSR

Il 68 per cento favorevole alla riapertura delle terrazze dei ristoranti. Il 59 per cento manterrebbe l'obbligo del telelavoro

BERNA - Tra la popolazione svizzera prevale un sentimento di stanchezza di fronte alla pandemia di coronavirus, ma la maggioranza sostiene la strategia del Governo di voler procedere ad allentamenti prudenti con riaperture, da lunedì, soltanto delle terrazze dei ristoranti. È quanto emerge da un sondaggio della SSR, commissionato all'istituto Sotomo, in cui non mancano tuttavia alcune contraddizioni.

Alla domanda "Volete aprire solo le aree esterne della ristorazione?" il 68% dice di "sì" già dalla fine del mese di marzo. Ma poco più della metà (53%) degli intervistati sarebbe favorevole anche a una riapertura delle aree interne degli esercizi di ristorazione già dalla fine del mese.

Il 63% vorrebbe che da aprile venga revocato il limite di cinque persone per gli incontri privati al chiuso. Per quanto riguarda il telelavoro, il 59% non lo abolirebbe prima di aprile e il 41% lo manterrebbe anche in seguito.

Nonostante il clima di crescente insofferenza, solo il 39% giudica troppo esitante, per tempistica e per portata, la strategia in materia di riapertura adottata dal Consiglio federale. Il 35% la reputa invece adeguata.

L'autore del sondaggio Michael Hermann giudica così questi dati apparentemente contraddittori: «La gente vorrebbe da un lato che si riaprisse, ma dall'altro nutre ancora timori» sull'evoluzione a corto termine della pandemia.

Il sondaggio è stato condotto su un campione di quasi 50'000 Svizzeri di tutte le regioni linguistiche tra il 9 e il 15 marzo, quindi prima dell'aumento dei casi riscontrati negli ultimissimi giorni. Forse è anche per questo che alcuni dati stridono rispetto all'impazienza della popolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
5 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
5 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
12 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
13 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
15 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
16 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
17 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
17 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
19 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile