Keystone
Biciclette lungo la Limmat
SVIZZERA
09.03.21 - 09:310

Gli svizzeri hanno comprato un sacco di bici

Con il Covid le vendite sono schizzate, sia nel comparto elettrico che in quello tradizionale

BERNA - Boom della vendita di biciclette nuove nell'anno della pandemia: nel 2020 ne sono state comprate 502'000, il 38% in più dell'anno precedente. Una su tre (171'000, +29%) era elettrica.

I dati sono stati pubblicati oggi dall'associazione dei fabbricanti e importatori Velosuisse. È peraltro probabile che la cifra reale delle vendite sia ancora più alta: l'enorme domanda ha infatti completamente svuotato i magazzini dei concessionari e fornitori, ragione per la quale hanno trovato un nuovo proprietario anche modelli di bici dell'anno prima (nonché di anni precedenti) che erano già stati conteggiati nelle statistiche.

È cresciuto di importanza, come in altri settori, il commercio via internet, in particolare per i modelli meno cari. Lo smercio online ha avuto invece un impatto minore sulle due ruote più costose, che sono state ancora principalmente acquistate attraverso i rivenditori specializzati.

Velosuisse mette in luce diverse tendenze interessanti. Innanzitutto sono state comperate molte più bici a trazione puramente muscolare negli ambiti dello sport e dei bambini, cosa che lascia supporre che intere famiglie si siano abituate a spostarsi sul sellino. Sul fronte delle e-bike, la progressione ha interessato più i rampichini (+40%) che le bici da strada (+21%). In quest'ultimo comparto però la categoria dei veicoli più veloci (45 km/h), segna un +40%: potrebbe essere un indizio del fatto che sempre più pendolari optano per questa forma di mobilità, commentano gli specialisti di Velosuisse.

Non è comunque solo la vendita di bici nuove ad aver registrato forti tassi di crescita l'anno scorso: anche i noleggi a lungo termine, le offerte turistiche e le vendite di seconda mano sono aumentate in modo significativo. Di conseguenza si amplia anche la domanda di veicoli nuovi, pezzi di ricambio, servizi e riparazioni.

Al momento gli affiliati a Velosuisse sono ancora fiduciosi di poter soddisfare la richiesta, che non è diminuita durante il periodo invernale, solitamente invece più tranquillo. L'organizzazione consiglia però ai clienti di cercare per tempo una nuova bici o e-bike e di essere flessibili in termini di marca, modello, colore ed equipaggiamento: se un particolare modello è esaurito potrebbe infatti trascorre parecchio tempo prima che torni disponibile. Questo era peraltro già il caso prima che scoppiasse la crisi del coronavirus, così come il fatto che certi modelli provenienti dall'Asia non possono più essere riordinati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
34 min
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
11 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
15 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
SVIZZERA
15 ore
La pandemia fa salire i prezzi dei ristoranti
Prima i lockdown, poi il certificato Covid: in Svizzera il calo del fatturato si fa sentire sul costo di un pasto fuori
ZURIGO
16 ore
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
19 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
20 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
20 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
21 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
21 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile