Archivio Keystone
SVIZZERA
06.03.21 - 14:180

Nelle ultime settimane c'è una certa sottomortalità, nonostante il Covid

Secondo gli esperti, le misure anti-coronavirus hanno ridotto il numero di morti per influenza

Tuttavia, non piace l'ipotesi di portare la mascherina anche nelle future stagioni invernali

Fonte Pascal Michel Bettina Zanni / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - Tra ottobre e febbraio, in Svizzera, c'è stata una sovramortalità significante - in particolare tra gli over 65 - a causa della seconda ondata della pandemia di coronavirus.

In questi mesi, sono morte infatti 8'400 persone in più di quanto avviene normalmente, secondo le statistiche pubblicate regolarmente dall'Ufficio Federale di Statistica (UST).

Nelle ultime settimane, però, per quanto riguarda la stessa fascia d'età, i decessi sono stati minori rispetto alla media statistica degli anni scorsi comparabili. Ad esempio nella settimana 7, ovvero dal 15 al 21 febbraio, sono morte 200 persone in meno di quanto previsto dalle statistiche.  

L'influenza? Molto debole - Questa diminuzione dei decessi potrebbe essere collegata alle misure sanitarie di protezione con cui il Consiglio federale ha deciso di contenere la diffusione del coronavirus.

Infatti, una maggiore attenzione e le misure di igiene e di distanziamento sociale «hanno probabilmente giocato un ruolo nella riduzione della trasmissione dell'influenza» si legge nell'ultimo rapporto federale sull'influenza.

Quest'anno ci sono state effettivamente molte meno consultazioni mediche per infezione influenzale. Durante la stagione influenzale 2019/2020, ad esempio, c'è stato addirittura un picco dell'ondata influenzale nella settimana 7 del calendario, mentre l'Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) sta già ora riportando una tendenza al ribasso dei casi di influenza di quest'anno.

Mascherina anche in futuro? - Per l'infettivologo Philippe Egimann, interpellato dal quotidiano 20 Minuten, è chiaro che le misure anti Covid abbiano evitato molte morti per influenza.

«Il lavaggio regolare delle mani, le regole di distanza sociale e l'uso delle mascherine hanno aiutato a combattere il virus dell'influenza, che è meno contagioso del coronavirus» ha confermato il Presidente della Società medica della Svizzera romanda (SMSR). Allo stesso tempo, meno persone hanno preso l'influenza poiché molti hanno optato per vaccinarsi contro di essa quest'inverno. In autunno, lo ricordiamo, l'UFSP aveva raccomandato la vaccinazione antinfluenzale come misura di prevenzione della pandemia.

Tuttavia, Eggimann non ne vuole sapere di un obbligo di mascherina anche per le future stagioni invernali, a meno che non sia presente una malattia virale sintomatica. «L'organismo umano deve essere esposto a virus e batteri. Altrimenti, non può più costruire l'immunità contro di essi».

Sottomortalità? Ci vuole cautela - Rolf Weitkunat, professore ed esperto di statistiche vitali ed epidemiologiche dell'UST, concorda con le ipotesi di Eggimann.

«Il fatto che ci siano meno morti sulla scia di un'ondata epidemica non è un fenomeno nuovo» ha però aggiunto l'esperto. Delle circa 8'500 persone che rappresentano la sovramortalità della seconda ondata di Covid-19, «alcune erano probabilmente in condizioni di salute precarie», e la loro vita potrebbe essersi accorciata «solo di qualche settimana». Insomma, in altri anni non caratterizzati da una pandemia, queste persone sarebbero potute morire di influenza stagionale.

Weitkunat, comunque, invita alla cautela quando si interpretano tali dati: «Con i dati disponibili, questa spiegazione non può essere completamente confermata». D'altronde, per le ultime settimane è possibile che ci siano delle segnalazioni di decessi ancora da contare. «Una valutazione globale dei decessi dovuti al Covid-19 sarà possibile solo dopo la conclusione dell'epidemia in Svizzera», ha concluso l'esperto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
La polizia sgombera un party privato con 40 invitati
L'operazione nel cuore della notte a Zurigo. Tutti multati, e denunciati gli organizzatori
SVIZZERA
3 ore
«Bisogna vietare ai circhi di tenere animali selvatici in gabbia»
La richiesta di diverse associazioni animaliste in occasione della giornata nazionale del circo
ZURIGO
5 ore
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
5 ore
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
14 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
15 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
16 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
18 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
18 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
SVIZZERA
19 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile