Keystone
GRIGIONI
06.03.21 - 22:300
Aggiornamento : 07.03.21 - 08:47

L'idea dai Grigioni: vietato mangiare e bere sul treno

La Ferrovia retica ha recentemente vietato le consumazioni su una delle sue linee

Le FFS, dal canto loro, non hanno alcuna intenzione di introdurre un simile divieto

COIRA - Non si mangia e non si beve più: stop alle consumazioni sul treno.

È il divieto che ha deciso di applicare da metà febbraio la Ferrovia Retica (RhB) alla sua linea che collega Bergün a Preda, nei Grigioni.

Il motivo? «A causa della chiusura dei ristoranti molti clienti hanno iniziato a usare i treni come luoghi dove fare dei picnic. Per questo siamo stati costretti ad agire» ha spiegato al quotidiano 20 Minutes la portavoce dell'RhB Yvonne Dünser, che ha inoltre ricordato a tutti che quando si mangia, si abbassa la mascherina, e questo aumenta il rischio d'infezione.

La portavoce ha voluto sottolineare, comunque, che il divieto si applica solo alla linea in questione (frequentata, generalmente, da chi va a slittare) e che verrà revocato il 14 marzo, quando tali treni non circoleranno più su quella linea.

I clienti, però, non hanno sempre reagito bene, conferma Dünser. «Alcuni sono d'accordo con il divieto, altri un po' meno».

Sui social media, infatti, la maggior parte dei commenti è negativa: «Cancellate subito questa regola», o «non c'è alcuna base giuridica per una cosa del genere», sono alcune delle esternazioni dei clienti insoddisfatti

L'avvocato Martin Hablützel, specialista in assicurazioni di responsabilità civile, ritiene invece che il divieto sia perfettamente comprensibile e giustificato. «La RhB deve rispettare l'obbligo di trasporto garantendo la sicurezza dei passeggeri. Ed è ciò che stanno cercando di fare con questo divieto».

Secondo l'avvocato inoltre, è del tutto possibile astenersi dal mangiare, ma è un po' più complicato quando si tratta di bere. «Un sorso d'acqua dovrebbe essere permesso», ha detto l'esperto. Tuttavia, Hablützel osserva anche che il viaggio in questione, da Bergün a Preda, non dura diverse ore. Il divieto sarebbe molto più discutibile se il viaggio fosse lungo.

Le FFS, sollecitate sul tema, hanno dichiarato che non c'è alcuna intenzione di introdurre un divieto di consumo simile sulle loro linee, ma sottolineano l'importanza di sensibilizzare. Ad esempio, hanno lanciato una campagna in collaborazione con l'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) che invita i passeggeri a lasciare il treno se hanno intenzione di fare una pausa più lunga per il pranzo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 1 mese fa su tio
È solo una questione di responsabilità individuale ma in questi tempi è merce rara specialmente tra i giovani
lecchino 1 mese fa su tio
Ma quanto sono c...... Questi?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
La polizia sgombera un party privato con 40 invitati
L'operazione nel cuore della notte a Zurigo. Tutti multati, e denunciati gli organizzatori
SVIZZERA
3 ore
«Bisogna vietare ai circhi di tenere animali selvatici in gabbia»
La richiesta di diverse associazioni animaliste in occasione della giornata nazionale del circo
ZURIGO
5 ore
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
5 ore
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
14 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
14 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
16 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
17 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
18 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
SVIZZERA
19 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile