20min/Sonja Mulitze (immagine illustrativa)
SVIZZERA
04.03.21 - 18:410
Aggiornamento : 20:24

Un ristorante su cinque ha già dovuto gettare la spugna

È un quadro «drammatico» quello tracciato da Gastrosuisse per il settore della ristorazione

Platzer: «La nostra industria sta soffrendo e ha un disperato bisogno di aiuti finanziari che non ha ancora ricevuto»

BERNA - Quasi un ristorante su cinque - più precisamente il 18,4% - ha dovuto cessare l'attività a tempo indeterminato. Lo mette in risalto un sondaggio di Gastrosuisse, secondo cui solo un esercizio su tre potrà sopravvivere alla crisi senza una compensazione finanziaria.

L'inchiesta dell'organizzazione di categoria, effettuata tra il 26 febbraio e il 2 marzo coinvolgendo 3'556 membri, dipinge un quadro «drammatico». Quasi il 20% ha già dovuto rinunciare alla propria attività a causa del coronavirus, mentre un altro 20% è sul punto di farlo, si legge in un comunicato odierno.

Inoltre, circa la metà di chi ha inoltrato domanda per accedere ai contributi dei casi di rigore è ancora in attesa da settimane di una risposta. A fine febbraio, il 70% dei ristoranti intervistati aveva presentato una tale richiesta.

I ritardi osservati nei pagamenti sono «inaccettabili», ha affermato, citato nella nota, il presidente dell'associazione Casimir Platzer. «La nostra industria sta soffrendo e ha un disperato bisogno di aiuto finanziario che ancora non ha ricevuto», si è lamentato.

I contributi a fondo perso si stanno dimostrando per ora insufficienti: la maggior parte degli esercizi ha ottenuto meno del 10% del «buco» derivato dalle mancate entrate. Eppure, fa notare Gastrosuisse, i limiti massimi prevedono che si arrivi fino al 20% del fatturato dell'anno precedente. Attualmente, in media sono stati versati 51'918 franchi.

Gastrosuisse ne approfitta poi per chiedere una volta di più che i ristoranti possano riaprire il più rapidamente possibile, sia all'esterno che all'interno. Il fatto che il Consiglio nazionale ieri abbia spinto per la data del 22 marzo è incoraggiante, «ma anche gli Stati devono seguire questo esempio e chiedere al Consiglio federale di agire», mette in evidenza Platzer.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
1 ora
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
1 ora
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
1 ora
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
2 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
2 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
3 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
4 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
5 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
SVIZZERA
17 ore
Code a non finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SAN GALLO
18 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile