Deposit
I dispositivi medici includono protesi, respiratori e bisturi.
SVIZZERA
03.03.21 - 13:190

Carenza di prodotti medici a causa dell'accordo quadro? Berna tranquillizza

Medici, ospedali e rappresentati dell'industria esprimono i loro timori in una lettera indirizzata ad Alain Berset.

Ma il Governo federale frena: «L'approvvigionamento è garantito e i prodotti sono sicuri ed efficienti».

BERNA - Medici, ospedali, difensori dei pazienti e rappresentanti dell'industria, in una lettera aperta si sono rivolti oggi al consigliere federale Alain Berset per esprimere i loro timori sugli ostacoli all'importazione di prodotti medici, causati dagli stentati colloqui sull'accordo quadro tra Svizzera e Unione europea (Ue). Il governo federale dissente affermando che l'approvvigionamento della Svizzera con «sicuri ed efficienti prodotti medici» è garantito.

Nella lettera - di cui la SonntagsZeitung aveva riferito domenica, indicando che sarebbe stata inviata al più tardi oggi - i firmatari ritengono che ci siano da aspettarsi «notevoli problemi di rifornimento medico nel mercato interno dell'Ue». Ciò avrà conseguenze dirette sulle cure, anche per i pazienti in Svizzera, sottolineano l'Associazione svizzera dei pazienti, il Forum svizzero dei consumatori e Gli ospedali svizzeri (H+). I dispositivi medici includono protesi, respiratori e bisturi.

Alla base vi è la minaccia dell'Ue di non aggiornare l'accordo sugli ostacoli tecnici al commercio ("Mutual Recognition Agreement", MRA) Svizzera-Ue. Una tale decisione escluderebbe a partire dal 26 maggio il riconoscimento dei certificati ottenuti dalle aziende mediche in Svizzera per esportare sul mercato europeo.

Problemi anche all'importazione - Ora, però, i firmatari della lettera temono anche nuove complicazioni per le importazioni: il Consiglio federale avrebbe preparato un'ordinanza che fissa contingenti per le importazioni di prodotti medici se il 26 maggio l'adeguamento del MRA non entrasse in vigore.

In questo modo la Svizzera richiederebbe la reciprocità, ossia che le imprese dell'Ue che esportano in Svizzera devono soddisfare le stesse condizioni delle imprese elvetiche che vogliono esportare nell'Ue.

Agendo in tal modo - sottolineano i firmatari della lettera - la Svizzera si auto infliggerebbe una difficoltà di approvvigionamento, che non è tollerabile: «Chiediamo urgentemente al Consiglio federale di non creare ostacoli all'importazione che rendano ancora più difficile la fornitura nell'ambito delle cure alla popolazione svizzera». L'onere amministrativo deve essere mantenuto il più basso possibile.

Nessuna reciprocità - Interrogato da Keystone-ATS, il Dipartimento federale dell'interno (DFI) scrive che il Consiglio federale non prevede alcuna reciprocità. Nel caso in cui il MRA non venga aggiornato, le misure contemplate prevedono «disposizioni transitorie graduali» a seconda delle classi di rischio dei prodotti medici. Il Consiglio federale ha incaricato il DFI di elaborare disposizioni adeguate per mitigare i possibili effetti negativi. «Queste misure tengono conto di tutti gli aspetti che devono essere considerati nel caso di un eventuale non aggiornamento del MRA». Secondo il DFI, si tratta di assicurare che «la sicurezza e l'efficienza dei prodotti medici continuino a essere garantite per la protezione dei pazienti» e che il mercato svizzero rimanga attraente per i produttori stranieri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
Doppio test per l'ingresso in Svizzera: ecco cosa cambia
Da oggi è revocato l'obbligo di quarantena per chi arriva dai paesi a rischio. Ma scatta la strategia dei test
SVIZZERA
8 ore
Messi in quarantena per sbaglio
Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti
SVIZZERA
14 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
14 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
16 ore
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
18 ore
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
SVIZZERA
18 ore
I contagi in Svizzera rimangono sotto i 10mila
A livello nazionale il 75,03% della popolazione over 12 è completamente vaccinato
SVIZZERA/GERMANIA
19 ore
La Svizzera è nella black-list tedesca
La decisione di Berlino: quarantena di dieci giorni per i non vaccinati in arrivo dalla Confederazione
SVIZZERA
19 ore
Vaccinazione anti-Covid gratuita anche nel 2022, frontalieri compresi
Il Consiglio federale ha stabilito che le spese continueranno a essere assunte dall'assicurazione sanitaria obbligatoria
SVIZZERA
20 ore
L'obbligo di quarantena mette in ginocchio il turismo
L'appello del direttore dell'aeroporto di Zurigo: «Il Consiglio federale deve aggiustare rapidamente il tiro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile