keystone
L'aeroporto di Kloten, semideserto
SVIZZERA
06.03.21 - 08:050
Aggiornamento : 10:12

Tre giorni nella black list: l'Ufsp ha sbagliato?

La Colombia è finita per 72 ore nella lista dei paesi a rischio, a causa di dati "vecchi". Una famiglia ne fa le spese

In quarantena al rientro dalla vacanza, per appena cinque ore. «Provvedimento immotivato». Ma l'Ufsp non si smuove

BERNA - Pochi se ne saranno accorti. Ma la Colombia ha stabilito un record curioso nelle cronache della pandemia svizzera: è il paese che più rapidamente è entrato e uscito dalla black-list di Berna. Tre giorni appena. Marchiato come paese a rischio il 22 febbraio, il 25 febbraio è stato "promosso" a destinazione sicura. Anzi sicurissima: più della stessa Svizzera, almeno dal punto di vista dei contagi.

Il motivo? Un errore di calcolo, probabilmente. L'Ufficio federale di sanità pubblica ha preso la decisione il 10 febbraio, basandosi su dati - forniti dal governo di Bogotà - risalenti al 4 febbraio, quando la situazione epidemica nel paese sudamericano era molto peggiore di ora. 

Prima l'ordine, poi il contro ordine. Problema risolto. Anche se in realtà non mancano gli strascichi. È il caso ad esempio di una famiglia di Zurigo, che ora si trova in quarantena obbligatoria «per il rotto della cuffia» ossia per cinque ore appena. M.D. - riferisce 20 Minuten - si è recato il 6 febbraio a Cartagena a visitare dei parenti assieme alla moglie e a due figli piccoli. Rientrati la sera del 24 febbraio (mercoledì) a Kloten, hanno ricevuto l'ordine di non uscire dal domicilio per dieci giorni. 

«Se fossimo atterrati cinque ore dopo, non avremmo avuto alcun problema» lamenta M.D., «una situazione assurda». Se il provvedimento fosse basato su elementi oggettivi «non mi lamenterei di certo» sottolinea il padre di famiglia. «Ma credo in questo caso che, se l'Ufsp ha fatto un errore, allora lo ammetta fino in fondo e rimedi anche alle conseguenze». 

Contattato da 20 Minuten, l'Ufsp mette le mani avanti. Al momento della misurazione del 4 febbraio, l'incidenza dei contagi in Colombia «era 60 volte superiore a quella della Svizzera» spiega il portavoce Daniel Dauwalder. «La black-list è concepita in modo tale che i paesi possano uscirne rapidamente, mentre vi entrano con un ritardo voluto, appositamente per permettere alle agenzie di viaggio e ai viaggiatori stessi una pianificazione in anticipo». 

In linea di principio, i viaggiatori che si sono recati in Colombia prima del 10 febbraio - senza sapere che il paese sarebbe stato incluso nell'elenco - avrebbero diritto a un risarcimento in caso di una perdita di guadagno legata alle restrizioni sanitarie. Ma «ai fini della quarantena il fatto che il paese sia uscito dalla lista rapidamente è ininfluente» precisa Dauwalder. «L'unico fattore decisivo, è che nei dieci giorni prima del rientro in Svizzera i viaggiatori si trovavano in un paese considerato a maggior rischio di contagio».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
9 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
9 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
9 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
13 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
13 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
13 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
14 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
15 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile