keystone
L'aeroporto di Kloten, semideserto
SVIZZERA
06.03.21 - 08:050
Aggiornamento : 10:12

Tre giorni nella black list: l'Ufsp ha sbagliato?

La Colombia è finita per 72 ore nella lista dei paesi a rischio, a causa di dati "vecchi". Una famiglia ne fa le spese

In quarantena al rientro dalla vacanza, per appena cinque ore. «Provvedimento immotivato». Ma l'Ufsp non si smuove

BERNA - Pochi se ne saranno accorti. Ma la Colombia ha stabilito un record curioso nelle cronache della pandemia svizzera: è il paese che più rapidamente è entrato e uscito dalla black-list di Berna. Tre giorni appena. Marchiato come paese a rischio il 22 febbraio, il 25 febbraio è stato "promosso" a destinazione sicura. Anzi sicurissima: più della stessa Svizzera, almeno dal punto di vista dei contagi.

Il motivo? Un errore di calcolo, probabilmente. L'Ufficio federale di sanità pubblica ha preso la decisione il 10 febbraio, basandosi su dati - forniti dal governo di Bogotà - risalenti al 4 febbraio, quando la situazione epidemica nel paese sudamericano era molto peggiore di ora. 

Prima l'ordine, poi il contro ordine. Problema risolto. Anche se in realtà non mancano gli strascichi. È il caso ad esempio di una famiglia di Zurigo, che ora si trova in quarantena obbligatoria «per il rotto della cuffia» ossia per cinque ore appena. M.D. - riferisce 20 Minuten - si è recato il 6 febbraio a Cartagena a visitare dei parenti assieme alla moglie e a due figli piccoli. Rientrati la sera del 24 febbraio (mercoledì) a Kloten, hanno ricevuto l'ordine di non uscire dal domicilio per dieci giorni. 

«Se fossimo atterrati cinque ore dopo, non avremmo avuto alcun problema» lamenta M.D., «una situazione assurda». Se il provvedimento fosse basato su elementi oggettivi «non mi lamenterei di certo» sottolinea il padre di famiglia. «Ma credo in questo caso che, se l'Ufsp ha fatto un errore, allora lo ammetta fino in fondo e rimedi anche alle conseguenze». 

Contattato da 20 Minuten, l'Ufsp mette le mani avanti. Al momento della misurazione del 4 febbraio, l'incidenza dei contagi in Colombia «era 60 volte superiore a quella della Svizzera» spiega il portavoce Daniel Dauwalder. «La black-list è concepita in modo tale che i paesi possano uscirne rapidamente, mentre vi entrano con un ritardo voluto, appositamente per permettere alle agenzie di viaggio e ai viaggiatori stessi una pianificazione in anticipo». 

In linea di principio, i viaggiatori che si sono recati in Colombia prima del 10 febbraio - senza sapere che il paese sarebbe stato incluso nell'elenco - avrebbero diritto a un risarcimento in caso di una perdita di guadagno legata alle restrizioni sanitarie. Ma «ai fini della quarantena il fatto che il paese sia uscito dalla lista rapidamente è ininfluente» precisa Dauwalder. «L'unico fattore decisivo, è che nei dieci giorni prima del rientro in Svizzera i viaggiatori si trovavano in un paese considerato a maggior rischio di contagio».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Cresce la lista nera: dentro altri quattro Paesi
La disposizione segue il rilevamento della variante Omicron nelle rispettive nazioni.
SVIZZERA
5 ore
Minaccia Omicron, il Governo si ritrova d'urgenza
Dopo l'emergenza della nuova variante e il boom di casi, domani pomeriggio saranno discussi eventuali cambi di marcia.
SVIZZERA
8 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
9 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
9 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
9 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
11 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
12 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
15 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile