Archivio Tipress (immagine illustrativa)
SVIZZERA
28.02.21 - 08:260
Aggiornamento : 09:25

Per gli alberghi una stagione invernale da dimenticare

Il settore fa i conti con perdite milionarie. E al momento le prenotazioni per l'estate sono inferiori al 2019

HotellerieSuisse: «Gli ospiti nazionali non possono compensare l'assenza di quelli stranieri»

BERNA - La pandemia sta mettendo in ginocchio il settore turistico. E gli alberghi sono in difficoltà. Basti pensare che durante questo mese di febbraio nelle regioni urbane i tassi di occupazione sono stati molto bassi: se prima della crisi del coronavirus (quindi nel 2019) si parlava del 55%, ora è solo del 15%. È quanto emerge dall'ultima indagine di HotellerieSuisse sula valutazione della situazione.

È andata un po' meglio in montagna, dove grazie alle buone condizioni meteorologiche e ai comprensori sciistici aperti, le strutture mostrano tassi di occupazione più elevati. Secondo le ultime previsioni, si parla di una media del 50% (nel 2019 era del 57%). Tuttavia, più di un terzo degli alberghi (36%) presenta un'occupazione inferiore alla metà della capacità. «Ciò mostra che gli ospiti nazionali non possono compensare l'assenza degli ospiti stranieri. Inoltre, a causa della chiusura ufficiale dei ristoranti agli ospiti esterni, il fatturato di un hotel ne risente molto più del tasso di occupazione» osserva HotellerieSuisse.

Perdite milionarie - Sul fronte finanziario, per l'intera stazione invernale le strutture di tutta la Svizzera prevedono perdite medie di oltre un milione di franchi. Nel settore alberghiero cittadino si parla addirittura di oltre 1,5 milioni di franchi ad azienda. In termini di fatturato, due terzi di tutte le strutture perdono più del 40% e circa il 10% tra il 30 e il 40%. «A causa degli scarsi margini e riserve dovuti al sistema, questo comporta una sfida esistenziale per il settore».

Un'estate «drammatica» - E nonostante l'estate sia ormai all'orizzonte, al momento le prenotazioni si fanno ancora attendere. Le cifre per i mesi da giugno ad agosto 2021, sia nelle regioni rurali che in quelle alpine, sono inferiori a quelle del 2019. Per quanto riguarda le strutture cittadine, HotellerieSuisse parla di uno scenario «drammatico»: il 59% delle strutture prevede un tasso di occupazione inferiore al 20%, mentre il tasso di occupazione lorda delle camere nelle principali città svizzere è stato n media del 73% da giugno ad agosto, tra il 2017 e il 2019.

Sostegno necessario - «Le cifre dimostrano che il pagamento rapido degli aiuti per i casi di rigore sotto forma di contributi a fondo perduto è vitale per la sopravvivenza di molte aziende», afferma Andreas Züllig, presidente di HotellerieSuisse. È per questo che l’accesso agli aiuti per i casi di rigore per il settore alberghiero deve essere concesso rapidamente e in forma adeguata.

Inoltre, l'associazione parla anche dell necessità di mettere in atto tutte le misure possibili per rilanciare il turismo. Tra questi i test gratuiti e capillari. ««È per questo che esortiamo i Cantoni a sfruttare finalmente il loro potenziale nell’ambito dei test e a farlo nelle prossime settimane fino ai prossimi passi per l’apertura», conclude Züllig.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
10 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
10 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
10 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
14 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
14 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
14 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
16 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile