Keystone
L'imputazione emerge dalla decisione negativa opposta dal Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona a una domanda di scarcerazione
SVIZZERA / AUSTRIA
27.02.21 - 11:200
Aggiornamento : 12:11

Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza

Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.

ZURIGO / VIENNA - I due uomini di 18 e 24 anni di Winterthur (ZH) arrestati in seguito all'attentato terroristico del novembre scorso a Vienna sono accusati anche di complicità in assassinio. Il nuovo capo di accusa - che si aggiunge all'incriminazione per terrorismo - emerge dalla decisione negativa opposta dal Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona a una domanda di scarcerazione. Il provvedimento risale al 5 febbraio e ne riferiscono oggi la Neue Zürcher Zeitung e le testate CH-Media.

Circa tre mesi prima dell'attacco i due avrebbero viaggiato in auto da Winterthur a Vienna, pernottando anche presso il simpatizzante dell'Isis Kujtim F. Questi, il giorno dopo la loro partenza, avrebbe cercato di comprare munizioni in Slovacchia. Gli investigatori considerano questa stretta connessione temporale come un fattore sospetto, che fa pensare a un coinvolgimento dei due cittadini svizzeri.

Il 2 novembre 2020 Kujtim F. ha aperto il fuoco con un fucile d'assalto nel centro storico della capitale austriaca, uccidendo quattro persone e ferendone altre 23, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. L'attentato era stato rivendicato dall'Isis.

Il giorno dopo, il 3 novembre, erano scattate le manette ai polsi di due cittadini svizzeri di 18 e 24 anni di Winterthur, già indagati dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC) per reati di terrorismo. Come noto, nella cittadina zurighese gli islamisti hanno fatto più volte notizia: è stata anche chiusa una moschea da cui un imam ha invitato a uccidere i musulmani non praticanti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
ZURIGO
58 min
Gli uomini guardano più porno, con conseguenze
Durante la pandemia, il consumo eccessivo di pornografia in rete è aumentato notevolmente.
ZURIGO
1 ora
Con sei chili di cocaina in auto, arrestato "turista" olandese
La droga, dal valore di circa mezzo milione di franchi, era stata accuratamente nascosta.
BERNA
2 ore
Migliaia di test PCR scaduti, erano stati acquistati per eventuali emergenze
Costo per la Confederazione? Circa 14 milioni di franchi
SVIZZERA
4 ore
Marco Chiesa attacca i consiglieri federali "disorientati" del PLR
Il ticinese denuncia i «continui patti con la sinistra» di un partito «che non rappresenta alcuna posizione borghese».
FOTO
GRIGIONI
4 ore
In fiamme un capannone, danni per oltre un milione
Diverse squadre di pompieri si sono recate sul posto. Non dovrebbero esserci feriti.
ZURIGO
5 ore
Bambini e adolescenti, più che raddoppiati i tentativi di suicidio
Lo psicologo Markus Landolt sostiene che la causa principale è da ricondurre al coronavirus.
SVIZZERA
6 ore
Accordo quadro: Cassis presto a Bruxelles con Parmelin
«Nessun altro consigliere federale conosce il dossier come lo conosco io», ha sottolineato il ticinese.
SVIZZERA
16 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
URI
21 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
22 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile