20 minuten
BERNA
24.02.21 - 09:290
Aggiornamento : 10:34

Oggi il Consiglio federale cederà sulle terrazze?

Molti cantoni spingono affinché si anticipino alcune aperture.

Nel pomeriggio sarà annunciato se la data resta quella del 1° aprile o se ci saranno allentamenti anticipati.

BERNA - Il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha parlato di una “luce in fondo al tunnel”. Il 17 febbraio, il Governo federale ha quindi promesso degli allentamenti alle restrizioni in atto. Le decisioni finali verranno prese oggi. Prima si è preferito rivolgersi ai Cantoni per una consultazione.

Questi sono i punti più controversi:

Apertura delle terrazze
I Cantoni stanno esercitando una pressione particolarmente forte sull'apertura delle terrazze. Il Consiglio federale le avrebbe previste per il 1° aprile, a condizione che la situazione epidemiologica si sviluppi favorevolmente. Una piccola maggioranza dei cantoni, tuttavia, spinge per l'apertura già dal 1° marzo.

Secondo la Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS), queste aperture richiedono il rispetto di rigorosi concetti di protezione. Il consumo dovrebbe avvenire solo ai tavoli da quattro, con distanze precise, prendendo nota dei dati degli avventori e valutando un eventuale coprifuoco. Se la Confederazione dovesse decidere per il 1° aprile, alcuni cantoni chiedono che le terrazze siano aperte per l'asporto, almeno nelle aree sciistiche.

Apertura dei ristoranti
Una piccola minoranza dei cantoni, come Argovia e Uri, chiede che le attività di ristorazione vengano aperte completamente dal 1° marzo, con limiti di capacità e rigide misure di protezione. La tesi sostenuta è che non ci sono indicazioni affidabili secondo cui il rischio di trasmissione sia maggiore nei ristoranti rispetto ai negozi.

Il Consiglio federale non ha ancora annunciato una data per le aperture nelle aree interne dei ristoranti.

Limite di età per lo sport e la cultura
Secondo il Consiglio federale, i giovani fino ai 18 anni dovrebbero poter riprendere la maggior parte delle attività sportive e culturali dal 1° marzo. Diversi cantoni chiedono un aumento del limite di età a 25 anni. Stefanie Hänni, a capo dell'Associazione svizzera di musica giovanile, non ritiene che l'allentamento sia una buona idea. Potrebbero sorgere problemi anche nelle orchestre in cui alcuni musicisti hanno più di 18 anni.

Abrogare la regola delle 5 persone nello sport
Il Consiglio federale prevede di riattivare gli eventi all'aperto per un massimo di 15 persone a partire dal 1° marzo. Diversi Cantoni ritengono quindi opportuno che, fino a 15 persone, sai consentito praticare sport sia all'aperto che al chiuso.

Aprire le aree interne negli zoo
Dall'inizio di marzo dovrebbero essere in grado di riaprire negozi, musei, sale di lettura della biblioteca e le aree esterne di zoo e giardini botanici. Ciò include anche strutture sportive come piste di ghiaccio artificiali, campi da tennis e da calcio o stadi di atletica. Tuttavia, vari cantoni chiedono che siano accessibili anche le aree interne di parchi zoologici, giardini botanici e zoo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
"La tesi sostenuta è che non ci sono indicazioni affidabili secondo cui il rischio di trasmissione sia maggiore nei ristoranti rispetto ai negozi." Ipotesi, tesi, dimostrazione! Eppure...
pillola rossa 1 mese fa su tio
Cedere?
Donatofiorella 1 mese fa su tio
Speriamo che il CF decida di NO, al momento è troppo pericoloso....
Tato50 1 mese fa su tio
Oddio, dopo i cimiteri cedono le terrazze ? ;-))
Volpino. 1 mese fa su tio
Ormai si sa che "il paziente zero" di norma si infetta in centro città e dove vi sono tanti turisti, perciò non vedo il motivo di cedere ai soliti piagnistei, soprattutto quando è risaputo che invece dei 8 giorni usuali ci vogliono ben 13 giorni per guarire dalla variante inglese. Va ricordato che il vaccino purtroppo non previene dall'infezione ma mitiga solo la malattia. Meglio una passeggiata nel bosco che stare ammassati sulle terrazze dei ristoranti, il distanziamento resta l'arma più efficace.
Ro 1 mese fa su tio
Il caos vaccini sapete a cosa è dovuto ? Ad aver dato troppo potete alle case farmaceutiche ma non solo anche alle lobby delle auto e delle costruzioni et cetera. Sono queste lobby i responsabili di tutti i mali della società. Ora avete capito chi ci comanda e ha il potere di vita e di morte sulla gente ? Benvenuti nella realtà.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
46 min
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
1 ora
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
3 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
13 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
14 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
14 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
15 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
18 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
18 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
19 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile