tipress
BERNA
23.02.21 - 14:590
Aggiornamento : 16:32

Distanze insufficienti, ogni anno vittime e feriti

«Quasi la metà di questi incidenti si verificano sulle strade urbane», indica l'UPI

In autostrada il rischio di incidenti con feriti gravi è «decisamente superiore alla media».

BERNA - Le distanze insufficienti tra i veicoli, sulle strade svizzere, provocano ogni anno oltre 110 feriti e due morti. L'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) ha lanciato oggi una nuova campagna di sensibilizzazione per mettere l'accento su questo problema del traffico.

«Quasi la metà di questi incidenti si verificano sulle strade urbane», indica l'UPI in un comunicato odierno, precisando che in autostrada il rischio di incidenti con feriti gravi è «decisamente superiore alla media».

I manifesti della nuova campagna di affissione verranno posti davanti a una sessantina di entrate autostradali in tutta la Svizzera per ricordare ai conducenti che il rispetto delle distanze aumenta la sicurezza. «Con la giusta distanza eviti la frittata», spiega l'UPI, paragonando le automobili e i loro occupanti a scatole di uova.

L'UPI invita inoltre a seguire la regola dei «due secondi dal veicolo che ti precede», contando ad esempio «ventuno, ventidue» e aumentando la distanza in caso di scarsa visibilità, pioggia, neve o strade in cattivo stato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 1 mese fa su tio
Ogni volta che prendo l'auto vedo che sono pochi quelli che rispettano la distanza! Con tutte le telecamere che ci sono in giro basterebbe inviare ai vari automobilisti un avviso per ricordare la legge e la prossima volta una multa!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
2 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
13 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
15 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
15 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
15 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
19 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
19 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
20 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile