Deposit
SVIZZERA
23.02.21 - 10:290

«La crisi porterà a tagli di posto di lavoro»

Swiss assicura di non trovarsi in difficoltà finanziarie, ma scrive a Berna per fare un punto della situazione.

Un portavoce ha però confermato che la pandemia avrà ripercussioni sugli impieghi: «Le misure saranno tre: congelamento delle assunzioni, lavoro ridotto e prepensionamenti». Attualmente la maggior parte dei dipendenti è già impiegato a orario ridotto».

BERNA - Swiss ha scritto al Consiglio federale chiedendo una valutazione della situazione a seguito della crisi pandemica.

La compagnia aerea ha confermato una notizia in tal senso pubblicata dalle testate del gruppo Tamedia, precisando che non si tratta di una chiamata di emergenza.

Un portavoce - contattato dall'agenzia Awp - ha assicurato che il gruppo non si trova in difficoltà finanziarie, ma ha confermato che ci saranno tagli di posti di lavoro a causa della crisi. Finora la compagnia ha utilizzato solo una piccola parte del credito di 1,5 miliardi di franchi garantito dalla Confederazione per far fronte alla pandemia. Swiss «dispone ancora di circa un miliardo di franchi», ha precisato l'addetto stampa, confermando che saranno forniti ulteriori dettagli nel corso della conferenza stampa annuale prevista il 4 marzo.

«Ciò che è chiaro è che la crisi del coronavirus porterà a tagli di posti di lavoro presso Swiss», ha aggiunto il portavoce. Ciò si tradurrà in tre misure: congelamento delle assunzioni da marzo 2020, lavoro ridotto con diminuzioni di salario e prepensionamento. Attualmente, gran parte dei dipendenti (personale di terra, di cabina e di bordo) lavora a orario ridotto.

L'azienda prevede di tagliare 1000 impieghi entro i prossimi due anni. Se queste misure saranno sufficienti dipenderà dallo sviluppo della pandemia.

La durata massima di 18 mesi di disoccupazione parziale scadrebbe a settembre, indica la stampa. Secondo quanto riferiscono i media, nella sua lettera la compagnia avrebbe chiesto che il governo sia autorizzato dal Parlamento a estendere questa misura.

Il Consiglio federale ha deciso che un test PCR negativo è richiesto dall'8 febbraio per entrare in Svizzera in aereo o da un paese a rischio. Swiss ha fortemente ridotto le sue attività sia a Zurigo che a Ginevra a causa del calo della domanda.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
4 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
7 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
8 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
8 ore
Il settore degli eventi chiede uno “scudo protettivo”
Contro l'incertezza Expo Event e 15 associazioni si rivolgono al Consiglio federale
SVIZZERA / CANTONE
9 ore
Alcuni cantoni dicono no: le terrazze restano aperte
Berset ha sottolineato più volte che l'apertura delle terrazze sulle piste viola il diritto federale.
SVIZZERA
10 ore
Bambini “esauriti”, 700 chiamate di aiuto al giorno
L'allarme lanciato da Pro Juventute: aumentano i conflitti con i genitori e tra fratelli, ma pure la violenza domestica
SVIZZERA / PAESI BASSI
11 ore
Scontro tra aerei della Patrouille Suisse, accusato il pilota
L’uditore della giustizia militare ha promosso l’accusa dinanzi al tribunale militare
BERNA
12 ore
Cosa fare per tornare al ristorante alla fine di marzo
Nella migliore delle ipotesi se ne parla per il 22 marzo.
BERNA
12 ore
Sì alle mense aziendali per chi lavora all’aperto
L'UFSP ha informati i Cantoni sulle condizioni con le quali concedere l'autorizzazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile