Keystone
SVIZZERA
13.02.21 - 20:460

Le varianti aumentano, ma la terza ondata potrebbe non arrivare

La situazione a Ginevra, che anticipa di un paio di settimane quella nazionale, è stabile nonostante le mutazioni

Nel cantone romando, la variante inglese costituisce ormai tre quarti dei nuovi contagi. Ma gli esperti mostrano un cauto ottimismo.

Fonte Tages-Anzeiger/20Minuten
elaborata da Simone Re
Giornalista

GINEVRA - La proporzione d'infezioni causata dalle varianti del coronavirus rispetto al ceppo originale è in aumento in Svizzera. Ed è questo uno dei fattori che preoccupa di più gli esperti. Tuttavia, c'è anche chi si mostra ottimista.

È il caso del dottor Manuel Schibler, virologo presso l'ospedale universitario della città sul Lemano, che al Tages-Anzeiger ha spiegato come nonostante la variante inglese costituisca ormai tre quarti dei nuovi casi registrati, il numero dei contagi sia rimasto a lungo stabile, con un'incidenza (su sette giorni) attorno ai 160 casi positivi ogni 100mila abitanti e il tasso di positività dei test in calo.

Stando agli esperti, la situazione ginevrina dovrebbe anticipare di circa un paio di settimane quella che sarà poi l'evoluzione dell'epidemia a livello nazionale (e nel canton Ginevra, lo ricordiamo, sono stati registrati anche alcuni casi legati alla mutazione "brasiliana" del SARS-CoV-2).

Allo stato attuale quindi, secondo il virologo, non è detto che l'eventualità di una terza ondata sia necessariamente dietro l'angolo, nonostante la presenza delle varianti. Un cauto ottimismo, quello dell'esperto, condiviso anche dall'ex membro della task force, Christian Althaus, che non si aspetta un aumento deciso dei casi come invece avvenuto in altri paesi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 8 mesi fa su tio
Insomma, dopo aver insistito per mesi con scenari apocalittici e richieste di chiuderci tutti in casa a tempo indeterminato, ora anche gli "esperti" cambiano discorso. Segno evidente che non ne sanno niente. È come voler prevedere a lungo termine il tempo che farà giorno per giorno.
lecchino 8 mesi fa su tio
Oh che peccato! 😒
seo56 8 mesi fa su tio
Tranquilli se aprono o se allentano le restrizioni la terza ondata é dietro l’angolo!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
43 min
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
44 min
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
3 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
3 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
5 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
5 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
7 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
8 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
9 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile