Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
09.02.21 - 09:050

Un referendum potrebbe bloccare la riforma dell'AVS

Le donne dell'Alleanza di Centro sono contrarie alla riduzione delle rendite. E vogliono il compromesso

BERNA - Il presidente dell'Alleanza del Centro Gerhard Pfister minaccia di lanciare un referendum contro il progetto di riforma dell'AVS. «Una riduzione delle rendite delle donne è fuori questione», ha affermato dalle pagine dell'edizione odierna del Blick.

«Non possiamo sostenere la proposta attuale, in quanto non risolve i problemi bensì li aggrava», ha detto in un'intervista concessa al quotidiano svizzerotedesco il consigliere nazionale del canton Zugo. A suo giudizio, l'opinione della base del partito in merito è chiara: «Mi sono arrivate molte reazioni, in particolare di donne, contrarie a un tale progetto».

L'aumento dell'età pensionistica delle donne (da 64 a 65 anni), considerando il fatto che la penalizzazione delle coppie sposate non è stata abolita, viene respinto, aggiunge Pfister. «La nostra posizione che prevede nove anni di transizione e 700 milioni di franchi è il minimo indispensabile per un compromesso».

Il presidente dell'ex PPD è però cosciente che una riforma del sistema pensionistico è necessaria: «Non siamo riusciti a metterne in piedi una vera e propria in 20 anni, dobbiamo rompere l'impasse». Tuttavia, la pensione per le donne a 65 anni può essere accettata solo con una compensazione decente, insiste il leader della formazione di centro, invitando tutte le forze politiche a lavorare insieme.

Una decina di giorni fa, la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati (CSSS-S) ha esaminato la riforma dell'AVS. L'organo parlamentare ha tra le altre cose chiesto di ridurre le misure di compensazione proposte dal Consiglio federale per alleviare le conseguenze del previsto aumento dell'età pensionabile.

Concretamente, la commissione vuole che a beneficiare delle misure siano solo le donne che andranno in pensione nei sei anni successivi all'adozione della riforma, invece dei nove auspicati dall'esecutivo. In questo modo, i costi scenderebbero da 700 a 440 milioni di franchi nel 2030.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
3 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
5 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
9 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
10 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
11 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
12 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
13 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
14 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
17 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
17 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile