Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
09.02.21 - 09:050

Un referendum potrebbe bloccare la riforma dell'AVS

Le donne dell'Alleanza di Centro sono contrarie alla riduzione delle rendite. E vogliono il compromesso

BERNA - Il presidente dell'Alleanza del Centro Gerhard Pfister minaccia di lanciare un referendum contro il progetto di riforma dell'AVS. «Una riduzione delle rendite delle donne è fuori questione», ha affermato dalle pagine dell'edizione odierna del Blick.

«Non possiamo sostenere la proposta attuale, in quanto non risolve i problemi bensì li aggrava», ha detto in un'intervista concessa al quotidiano svizzerotedesco il consigliere nazionale del canton Zugo. A suo giudizio, l'opinione della base del partito in merito è chiara: «Mi sono arrivate molte reazioni, in particolare di donne, contrarie a un tale progetto».

L'aumento dell'età pensionistica delle donne (da 64 a 65 anni), considerando il fatto che la penalizzazione delle coppie sposate non è stata abolita, viene respinto, aggiunge Pfister. «La nostra posizione che prevede nove anni di transizione e 700 milioni di franchi è il minimo indispensabile per un compromesso».

Il presidente dell'ex PPD è però cosciente che una riforma del sistema pensionistico è necessaria: «Non siamo riusciti a metterne in piedi una vera e propria in 20 anni, dobbiamo rompere l'impasse». Tuttavia, la pensione per le donne a 65 anni può essere accettata solo con una compensazione decente, insiste il leader della formazione di centro, invitando tutte le forze politiche a lavorare insieme.

Una decina di giorni fa, la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati (CSSS-S) ha esaminato la riforma dell'AVS. L'organo parlamentare ha tra le altre cose chiesto di ridurre le misure di compensazione proposte dal Consiglio federale per alleviare le conseguenze del previsto aumento dell'età pensionabile.

Concretamente, la commissione vuole che a beneficiare delle misure siano solo le donne che andranno in pensione nei sei anni successivi all'adozione della riforma, invece dei nove auspicati dall'esecutivo. In questo modo, i costi scenderebbero da 700 a 440 milioni di franchi nel 2030.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ancora più di 10mila contagi giornalieri, i ricoveri sono 193
Il numero d'infezioni giornaliere da Covid-19 nel nostro Paese continua a rimanere elevato. Registrati anche 27 decessi.
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
Ecco quanto costa una settimana sugli sci in Svizzera
Con la pandemia, i prezzi sono scesi. La destinazione più cara è Zermatt, secondo un'analisi di BAK Economics
SVIZZERA
3 ore
Sussidi troppo elevati ad altre imprese di trasporto pubblico
Dopo quello di Autopostale, spuntano nuovi casi
SVIZZERA
3 ore
Coop, Migros e Denner: tornano i contingenti
Dalla prossima settimana potrebbero formarsi code all'entrata dei negozi. Il numero di clienti verrà infatti limitato.
GRIGIONI
3 ore
Nelle aule scolastiche più aerate ci sono meno contagi
I risultati di un progetto pilota condotto in 150 aule grigionesi: con troppo CO2, si registrano più infezioni
SVIZZERA
5 ore
Una nuova infezione su tre colpisce adolescenti e bambini
Il trend è chiaro: un terzo dei nuovi contagi di coronavirus riguarda chi ha meno di 19 anni
SVIZZERA
6 ore
I piloti “a rischio” potranno essere segnalati
Il Consiglio nazionale si allinea alla decisione presa dagli Stati
SVIZZERA
9 ore
Lo sciopero della fame prosegue, ma la situazione non si sblocca
Guillermo Fernandez si trova da settimane (senza mangiare) davanti a Palazzo federale.
BERNA
15 ore
Keller-Sutter: «Il 2G è il prossimo possibile passo»
Un obbligo vaccinale, anche solo per determinate categorie, non viene invece preso in considerazione.
SVIZZERA
17 ore
Cosa abbiamo chiesto a Google nel 2021?
Il colosso del Web ha pubblicato le classifiche dei termini più ricercati dell'anno in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile