Archivio Keystone.
Proseguono i tagli per i programmi culturali (Foto illustrativa).
SVIZZERA
04.02.21 - 09:000

«Fermate i tagli alla cultura»

Il Sindacato svizzero dei mass media (SSM) è preoccupato per i tagli nelle redazioni culturali

In Ticino, l'85% dei giornalisti ha firmato una petizione per salvare Rete 2

BERNA - «Non c'è futuro senza cultura!».

È così che il Sindacato svizzero dei mass media (SSM) ha introdotto un attacco alla SSR (la Società svizzera di radiotelevisione) per i tagli drastici effettuati nelle redazioni culturali «in tutte le sue unità operative».

Il SMM chiede «di fermare questi tagli, di rispettare la Concessione e di coinvolgere maggiormente il personale nel processo di trasformazione dell'azienda».

Tutte le regioni linguistiche - I tagli sono (o saranno) effettuati in tutte le regioni linguistiche. In Romandia, Espace2 è diventato un canale musicale, mentre i programmi "parlati" sono stati trasferiti su formati digitali. «Nella Svizzera italiana, un destino simile attende Rete Due. Il progetto "Lyra" prevede una revisione radicale dell'offerta culturale, con una notevole riduzione dei contributi “parlati” e dei programmi di approfondimento», denuncia il SSM.

In Svizzera tedesca, invece, alcuni programmi saranno interrotti (come Nachtflug), mentre altri subiranno riorientamenti (Kulturplatz), o avranno meno risorse a disposizione (Sternstunden).

Un mandato più importante che mai - Nel nome della trasformazione digitale, «la SSR riduce sempre più la cultura all'essenziale», ed è uno sviluppo «preoccupante».

In particolare, il SSM si interroga sul rispetto della Concessione: «La SSR ha il mandato di fornire, offrire e promuovere servizi nel settore culturale e non deve rivolgersi solo a un pubblico maggioritario. Al centro di questo mandato c'è l'informazione e l'educazione culturale in tutte le parti del paese».

Il grande dimenticato: il personale - I dipendenti di tutte le unità aziendali stanno vivendo grande incertezza e stanno resistendo, quanto possibile, ai tagli imposti alle redazioni culturali.

«Si sono più volte fatti sentire per denunciare di non essere stati per nulla coinvolti nel processo di trasformazione e di non aver potuto contribuire con la loro esperienza professionale. In Ticino, l'85% dei giornalisti ha firmato una petizione per salvare Rete 2, ma per paura di rappresaglie ha scelto la strada del sostegno anonimo, affidando a SSM il compito di certificare le firme e presentare la petizione alla direzione RSI a nome del personale» spiega infine il SSM.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
BERNA
28 min
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberlend bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
49 min
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
2 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
4 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
5 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
5 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
7 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
8 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
11 ore
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
SVIZZERA
23 ore
La spesa oltre confine? Sì, ma in Germania
Il governo tedesco ha aperto le porte al turismo di giornata (e dello shopping). Quello italiano invece temporeggia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile