keystone (archivio)
BERNA
30.01.21 - 09:190
Aggiornamento : 10:57

Keller-Sutter si è fatta vaccinare

I consiglieri federali hanno la possibilità di ricevere le dosi sebbene nessuno di loro abbia più di 75 anni.

La ministra della giustizia ha parlato anche delle minacce dei negazionisti come del piano per uscire dal lockdown.

BERNA - La ministra della giustizia Karin Keller-Sutter ha confermato ai giornali del gruppo CH-Media in edicola oggi di essersi vaccinata contro il coronavirus.

Le polemiche - Come noto, i consiglieri federali hanno la possibilità di ricevere le dosi sebbene nessuno di loro abbia più di 75 anni, fatto che ha suscitato qualche polemica.

Il governo si è difeso sottolineando a più riprese come una sua protezione sia necessaria per evitare che la Svizzera rimanga senza leadership durante la crisi. «Abbiamo soli sette ministri e non 21 come altri Paesi», ha fatto per esempio notare in tal proposito il titolare degli affari esteri Ignazio Cassis, in un'intervista rilasciata alla stampa in settimana.

Minacce dai negazionisti - Ora Keller-Sutter è uscita allo scoperto, rendendo pubblica la sua vaccinazione. La 57enne si è inoltre espressa su altri temi legati alla pandemia, come quello delle minacce ricevute da parte di cittadini frustrati o negazionisti. Dicendosi per nulla intimorita, la sangallese ha fatto notare come la maggior parte della popolazione comprenda le decisioni dell'esecutivo.

Il livello di minacce non è cresciuto, bensì cambiato, ha proseguito la rappresentante del PLR. «Si tratta tuttavia davvero di una minoranza di persone», ha ribadito, ammettendo che il governo non sempre è stato perfetto nella lotta al Covid-19.

«Spesso dobbiamo scegliere fra due soluzioni insoddisfacenti», si è giustificata Keller-Sutter. La ministra ha peraltro smentito grandi divisioni interne al Consiglio federale e parlato di decisioni prese sempre di comune accordo: «Non abbiamo mai dovuto votare sul coronavirus».

Piano per la fine del lockdown - Un piano riguardo alla fine del semi-lockdown sta già venendo studiato, ha aggiunto Keller-Sutter. Una fase che a suo giudizio sarà fondamentale: «Abbiamo visto l'anno scorso che l'uscita dal confinamento può essere più delicata del confinamento stesso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
A me sembra che fra i vari stati non ci siamo esponenti dei vertici che sono morti a causa o con il virus. Qualcuno è stato contagiato, qualche altro è stato ospedalizzato, ma nessuno è morto (tranne in quei paesi che è servito per fare piazza pulita degli esponenti scomodi). Tutti "vogliono" il vaccino, tutti vogliono essere "protetti" e c'è una lista di prioritari. Sembra che chi non faccia parte della lista sia discriminato.
Biaggi 3 mesi fa su tio
Brava 👏
belaolga 3 mesi fa su tio
le dedico una canzone di Masini...bella st.....😜
Tato50 3 mesi fa su tio
Anche il mio vicino di casa, ma non leggo il suo nome ;-)
Volpino. 3 mesi fa su tio
Ma insomma non bisogna dimenticare che i ministri devono a volte anche spostarsi in aereo da un paese all'altro e sono rilevanti per il sistema.
Barbylal 3 mesi fa su tio
Scusate ma gli operatori sanitari? Messi nel dimenticatoio? Infondo siamo in prima linea! Come al solito si fa il contrario di tutto!
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
Perché?
Bosa67 3 mesi fa su tio
le regole non sono uguali per tutti, dipende dal grado d'importanza. Questo fa capire che valiamo molto poco
tartux 3 mesi fa su tio
@Bosa67 Se non fosse che c'é un'enormità di gente che crede a panzane sui vaccini il governo non dovrebbe fare dimostrazioni come questa per mostrare che il vaccino é sicuro. Non dico che non ci sono diseguaglianze ma a volte si deve guardare più in a al fine di capire come mai vengono fatte certe azioni.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
4 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
5 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
6 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
7 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
8 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
10 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
13 ore
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
SVIZZERA
1 gior
La spesa oltre confine? Sì, ma in Germania
Il governo tedesco ha aperto le porte al turismo di giornata (e dello shopping). Quello italiano invece temporeggia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile