tipress
ZURIGO
25.01.21 - 10:050
Aggiornamento : 15:11

Investita, ustionata e annegata dal marito

Un 50enne a processo per avere inscenato il suicidio della moglie. Scoperto grazie all'assicurazione

ZURIGO - Picchiò, investì con un'automobile, ustionò con acqua calda e infine annegò la moglie. Sono i fatti di cui si sarebbe reso responsabile un cittadino svizzero di 50 anni, scoperto solo dopo che l'assicurazione aveva espresso dubbi. Il processo contro l'uomo, che respinge ogni accusa, inizia oggi davanti al Tribunale distrettuale di Meilen (ZH).

La tragica vicenda inizia in una notte di dicembre del 2012, quando, in base all'atto d'accusa, l'uomo investì la moglie con l'automobile davanti a un immobile di Maiorca, in Spagna, provocandole varie fratture. Il marito ha poi aperto una finestra al piano superiore direttamente sopra il corpo della donna ferita e si è allontanato con il loro figlioletto.

L'uomo voleva in questo modo far credere a un suicidio. Ha allertato i soccorsi solo due ore dopo, pensando che la moglie fosse già morta per le ferite riportate o per ipotermia. Ma la donna è sopravvissuta, rimanendo gravemente menomata. Circa un anno dopo, la coppia divorziò.

Nel febbraio 2014, la donna lasciò l'ospedale e si trasferì in un appartamento. Per le cure e l'assistenza chiese aiuto all'ex marito.

Due mesi dopo il marito le ustionò la schiena e le natiche con acqua calda. La portò in seguito in bagno dove l'affogò nel lavandino o direttamente nella vasca, che riempì poi di acqua per far credere che la moglie vi fosse caduta dentro accidentalmente.

In un primo tempo, in nessuno dei due casi le autorità avevano ipotizzato un crimine. Solo la compagnia di assicurazione si è insospettita, visto che l'uomo aveva, immediatamente dopo la morte, chiesto il pagamento della somma prevista dalla polizza "vita", per un totale di 500'000 franchi.

La compagnia assicurativa commissionò quindi una perizia che potrò alla luce il presunto caso di violenza. Gli esperti giunsero infatti alla conclusione che la morte per annegamento nella vasca da bagno fosse stata causata da fattori esterni. È stato di conseguenza riesaminato anche l'incidente di Maiorca.

L'uomo è così finito a processo con l'accusa di omicidio e tentato omicidio. Secondo la procura, l'uomo non ha sopportato il fatto che la donna volesse separarsi e chiedere l'affidamento del figlio. Il processo potrebbe durare sette giorni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SPAGNA / SVIZZERA
6 min
In vacanza col morto: «L'ho amato moltissimo»
Si chiariscono alcuni retroscena del singolare viaggio interrotto la scorsa settimana dalla polizia catalana.
SVIZZERA
18 min
Gössi contro Chiesa: «Irrispettoso e incoerente»
La presidente del PLR risponde all'attacco del presidente UDC
SVIZZERA
2 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
4 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
5 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
7 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
7 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
8 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
10 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
11 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile