tipress
ZURIGO
25.01.21 - 10:050
Aggiornamento : 15:11

Investita, ustionata e annegata dal marito

Un 50enne a processo per avere inscenato il suicidio della moglie. Scoperto grazie all'assicurazione

ZURIGO - Picchiò, investì con un'automobile, ustionò con acqua calda e infine annegò la moglie. Sono i fatti di cui si sarebbe reso responsabile un cittadino svizzero di 50 anni, scoperto solo dopo che l'assicurazione aveva espresso dubbi. Il processo contro l'uomo, che respinge ogni accusa, inizia oggi davanti al Tribunale distrettuale di Meilen (ZH).

La tragica vicenda inizia in una notte di dicembre del 2012, quando, in base all'atto d'accusa, l'uomo investì la moglie con l'automobile davanti a un immobile di Maiorca, in Spagna, provocandole varie fratture. Il marito ha poi aperto una finestra al piano superiore direttamente sopra il corpo della donna ferita e si è allontanato con il loro figlioletto.

L'uomo voleva in questo modo far credere a un suicidio. Ha allertato i soccorsi solo due ore dopo, pensando che la moglie fosse già morta per le ferite riportate o per ipotermia. Ma la donna è sopravvissuta, rimanendo gravemente menomata. Circa un anno dopo, la coppia divorziò.

Nel febbraio 2014, la donna lasciò l'ospedale e si trasferì in un appartamento. Per le cure e l'assistenza chiese aiuto all'ex marito.

Due mesi dopo il marito le ustionò la schiena e le natiche con acqua calda. La portò in seguito in bagno dove l'affogò nel lavandino o direttamente nella vasca, che riempì poi di acqua per far credere che la moglie vi fosse caduta dentro accidentalmente.

In un primo tempo, in nessuno dei due casi le autorità avevano ipotizzato un crimine. Solo la compagnia di assicurazione si è insospettita, visto che l'uomo aveva, immediatamente dopo la morte, chiesto il pagamento della somma prevista dalla polizza "vita", per un totale di 500'000 franchi.

La compagnia assicurativa commissionò quindi una perizia che potrò alla luce il presunto caso di violenza. Gli esperti giunsero infatti alla conclusione che la morte per annegamento nella vasca da bagno fosse stata causata da fattori esterni. È stato di conseguenza riesaminato anche l'incidente di Maiorca.

L'uomo è così finito a processo con l'accusa di omicidio e tentato omicidio. Secondo la procura, l'uomo non ha sopportato il fatto che la donna volesse separarsi e chiedere l'affidamento del figlio. Il processo potrebbe durare sette giorni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 min
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
47 min
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
2 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
3 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
6 ore
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
SVIZZERA
18 ore
La spesa oltre confine? Sì, ma in Germania
Il governo tedesco ha aperto le porte al turismo di giornata (e dello shopping). Quello italiano invece temporeggia
SVIZZERA
20 ore
Quindi da giugno si torna tutti in ufficio, come funzionerà con i test?
Home office obbligatorio addio, ma per rientrare bisognerà farsi testare regolarmente. Tutto quello che c'è da sapere
SVIZZERA
21 ore
È tempo di Santi di ghiaccio
La credenza popolare trova conferma al nord delle Alpi
ZURIGO
22 ore
Fuga ad alta velocità dalla polizia, al volante c'era un quattordicenne
L'episodio si è verificato la scorsa notte nel Canton Zurigo. E non è stato l'unico inseguimento
SVIZZERA
22 ore
I gioielli della figlia adottiva di Napoleone venduti per 1,5 milioni
Sono stati battuti all'asta a Ginevra. Si trattava di nove pezzi, che erano stimati a 430'000 franchi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile