Keystone
SVIZZERA
21.01.21 - 19:180
Aggiornamento : 23:45

Scuola reclute azzoppata dall'obbligo di telelavoro

I problemi riscontrati questa settimana sarebbero dovuti al sovraccarico del sistema informatico gestito da Ruag.

Dopo le giustificazioni e le scuse, una promessa: durante i test che le reclute sosterranno una volta giunti in caserma la manica sarà un po' più larga.

BERNA - A causa di problemi tecnici, l'apprendimento a distanza per le reclute «non ha avuto l'inizio auspicato». L'esercito si scusa per questo inconveniente e assicura di stare lavorando per migliorare il sistema in un comunicato diramato in serata.

Il Learning Management System (LMS) dovrebbe permettere alle reclute di effettuare da casa la parte teorica dell'istruzione di base generale. Questo programma didattico è stato introdotto in concomitanza con l'obbligo del telelavoro deciso dal Consiglio federale che è stato applicato a un gran numero di dipendenti della Confederazione. Per questo motivo dall'inizio della settimana il sistema informatico è stato fortemente sollecitato e questo ha «pregiudicato l'efficienza del Learning Management System, determinando lunghe attese al momento di effettuare il login o nell'elaborazione delle lezioni», spiega l'esercito.

Da lunedì, la società RUAG, che gestisce il sistema di e-learning, e l'esercito sono stati in grado di migliorare le capacità dei server, ma le prestazioni del sistema «sono ancora inferiori alle aspettative», secondo il comunicato stampa. Più dell'80% delle reclute è comunque in grado di registrarsi e completare le prime lezioni.

Circa il 40% dei partecipanti alla prima scuola reclute nel 2021 (5.000 giovani su 12.000) svolgono le loro prime tre settimane di servizio da casa. Lunedì, quando hanno iniziato, molti non sono stati in grado di accedere al sistema.

Le reclute che stanno imparando le basi teoriche a domicilio torneranno nelle caserme l'8 febbraio. «I test previsti in seguito, relativi alle conoscenze teoriche acquisite fino a quel momento, verranno adeguati alla situazione a causa delle difficoltà incontrate», scrive l'esercito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
Università: Svizzera roccaforte per le scuole alberghiere
Nella top 10 del settore ricettività e tempo libero ben otto istituti sono svizzeri.
FOTO
ZURIGO
5 ore
«Il fumo si vede da chilometri di distanza»
Un gigantesco incendio è divampato questo pomeriggio in un'area aziendale di Hinwil.
SVIZZERA
5 ore
Riuscito il referendum contro la legge Covid-19 (più altri due)
Oltre 90'000 delle firme raccolte dal comitato sono state validate dalla Cancelleria federale.
SVIZZERA
7 ore
Riaperture: Maurer più prudente di quanto si pensasse?
Secondo il Tages-Anzeiger, il ministro UDC voleva mantenere la chiusura dei ristoranti fino al prossimo 19 aprile
BERNA
7 ore
Un minuto di silenzio per le vittime del Covid
Questo venerdì si rivolgerà loro un pensiero a un anno esatto dal primo decesso legato al virus.
SVIZZERA
8 ore
In Svizzera altri sette decessi legati al Covid
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 1'223 nuovi contagi
SVIZZERA
9 ore
Joël Dicker si mette in proprio
Lo scrittore ginevrino lascia dopo dieci anni la storica casa editrice "Éditions de Fallois" per crearne una sua.
GRIGIONI
11 ore
In casa anziani torna la vita
Allentate le regole concernenti le visite, revocate per gli ospiti vaccinati
BERNA
13 ore
Covid: il Nazionale chiede allentamenti immediati
La Camera del popolo ha adottato una dichiarazione che invoca più test e vaccinazioni e meno restrizioni.
SVIZZERA
14 ore
Una recluta su tre ha mancato il test d'entrata
Circa 5'000 giovani hanno trascorso le prime tre settimane di scuola reclute in homeworking.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile