Tamedia
SVIZZERA
20.01.21 - 15:350
Aggiornamento : 17:34

Privatizzazione di Postfinance? Tra malcontento e soddisfazione

Per i contrari «la Svizzera non ha bisogno di un altro gigante bancario che massimizza i profitti»

BERNA - La volontà del Consiglio federale di privatizzare Postfinance non piace a sinistra, ma raccoglie consensi a destra. Partito socialista (PS) e sindacati si oppongono con forza, parlando di attacco al servizio pubblico. Storce il naso anche l'Usam. Per il PLR quella proposta dal Governo è invece l'unica soluzione per garantire una concorrenza leale. Appoggio anche dall'UDC e dalle associazioni bancarie, mentre l'Alleanza del centro chiede una strategia chiara prima di decidere.

In un momento in cui i tassi d'interesse sono ad un minimo storico, Postfinance deve essere ripensata come garante del traffico dei pagamenti e quindi come una parte importante del servizio pubblico, rileva il PS in una nota, parlando di «via semplicistica della privatizzazione».

«Il nostro Paese non ha bisogno di un ulteriore gigante bancario che massimizzi i profitti», sostiene il consigliere nazionale socialista ticinese Bruno Storni, citato nella nota. In Svizzera e l'Europa servono banche statali che concentrino «la loro attività nella tutela del clima, l'efficienza energetica e le energie rinnovabili», aggiunge il collega grigionese Jon Pult.

Il PS critica inoltre il Consiglio federale per non aver proposto nessuna alternativa alla privatizzazione e ricorda come soprattutto nella crisi causata dal coronavirus, PostFinance si sia dimostrata estremamente efficiente concedendo migliaia di fideiussioni.

Verso tagli a qualità e a personale, USS - Forti critiche all'Esecutivo vengono mosse anche dall'Unione sindacale svizzera (USS), che in un comunicato parla di «attacco frontale al servizio pubblico» e ricorda come l'istituto sia una banca popolare con quasi tre milioni di clienti e appartenga al grande pubblico. Se la Confederazione e la Posta dovessero ritirarsi da Postfinance, il traffico dei pagamenti dovrebbe essere garantito mediante il rilascio di una concessione: questo significherebbe tagli alla qualità e, non da ultimo, al personale, prosegue il sindacato, ricordando anch'esso l'importanza di questo istituto durante la crisi pandemica.

Syndicom minaccia referendum - Stessa lunghezza d'onda per Syndicom, secondo cui l'idea del Consiglio federale è una minaccia per il servizio pubblico e un tentativo di evitare la discussione su una garanzia statale eliminando il divieto di credito e di ipoteca. Il sindacato annuncia di volersi opporre con tutti i mezzi a sua disposizione, in ultima analisi con un referendum. In caso di privatizzazione, sostiene Syndicom, i clienti meno redditizi andrebbero incontro all'esclusione da numerosi servizi o con tariffe elevate.

Non serve, per Usam - Anche l'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam) respinge il progetto, che «serve solo gli interessi di Postfinance». L'organizzazione ritiene che non si tratti di una vera e propria privatizzazione, poiché il Consiglio federale è tenuto a colmare le lacune in materia di fondi propri. Il mercato ipotecario e dei crediti in Svizzera è sufficientemente ben servito e non ha bisogno di un nuovo operatore, aggiunge l'Usam.

Parere positivo da PLR e UDC - Di parere diametralmente opposto è il PLR, per il quale la privatizzazione è l'unico modo giusto per garantire una concorrenza leale sul mercato del credito e delle ipoteche, ha affermato il responsabile della comunicazione del partito Marco Wölfli.

Per il PLR, la revoca del divieto di concedere crediti e ipoteche per Postfinance può avvenire solo con una privatizzazione completa e coerente. In un mercato che funziona, non è opportuno mettere una «banca postale» interamente controllata dallo Stato in concorrenza con il settore privato, sostiene il partito.

L'UDC condivide la posizione del Consiglio federale, ha dichiarato la portavoce del partito Andrea Sommer all'agenzia Keystone-ATS. Per la formazione politica la condizione per la piena privatizzazione è l'abolizione del divieto di concedere crediti, come già sostenuto nella consultazione sulla revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta.

Giusta direzione, per associazioni bancarie - L'Associazione svizzera dei banchieri, Swissbanking, parla di «passo nella giusta direzione» in una breve presa di posizione inviata all'agenzia AWP. Per l'Unione delle Banche Cantonali Svizzere, una privatizzazione di Postfinance può rispondere ad alcune preoccupazioni emerse nel corso della consultazione, ma non risolverebbe gli effetti negativi della revoca del divieto di concedere crediti e ipoteche.

Serve strategia chiara, Alleanza del centro - L'Alleanza del centro chiede da parte sua a Postfinance di presentare una strategia chiara che mostri il futuro dell'azienda con e senza privatizzazione parziale. Sulla base di ciò, la formazione politica prenderà la sua decisione a favore o contro, ha indicato su richiesta la responsabile della comunicazione Astrid Bärtschi.

Consapevole del fatto che Postfinance sta affrontando grandi sfide, il centro è critico nei confronti dell'abolizione delle restrizioni attualmente in vigore nel mercato del credito e delle ipoteche, ha proseguito la portavoce, per la quale sussiste il pericolo di distorsioni della concorrenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
3 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
3 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
5 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
5 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
6 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
Attualità
9 ore
La Co2 mette d'accordo tutti (anche l'industria)
Le associazioni economiche lanciano una campagna a favore della nuova legge: «Un'occasione per la Svizzera»
BERNA
9 ore
L'USAM insorge: «Noi come l'Albania o la Croazia»
Forti critiche al sistema di gestione della pandemia. Quindi l'appello: «Stop alle chiusure»
SVIZZERA
9 ore
Economiesuisse corregge il tiro: «Nessuno vuole 30mila casi al giorno»
Avevano fatto discutere, venerdì, le dichiarazioni di Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori.
SVIZZERA
12 ore
Prospettive cupe per il settore degli eventi
Secondo Christoph Kamber non si tornerà alla normalità prima del 2022-2023.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile