TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
20.01.21 - 11:360

Lavoro ridotto, Migros fa marcia indietro

I collaboratori interessati continueranno a ricevere il 100% del loro stipendio regolare durante il periodo di chiusura

La decisione riguarda tutti i dipendenti delle dieci cooperative della federazione: supermercati, ristoranti, centri fitness e per il tempo libero, Scuola Club Migros e mercati specializzati.

ZURIGO - Migros continuerà a pagare ai dipendenti del commercio al dettaglio toccati dal lavoro ridotto lo stipendio pieno. La criticata soppressione del versamento a titolo volontario del 20% del salario non corrisposto dalla cassa disoccupazione dovrebbe interessare invece i dipendenti di Hotelplan.

A causa dello «sviluppo positivo del commercio al dettaglio cooperativo», il gigante arancione ha deciso di continuare a pagare ai collaboratori interessati «un compenso che copra la differenza rispetto all'80% dell'indennità di lavoro ridotto prevista dalla legge», ha comunicato Migros.

Concretamente la decisione riguarda tutti i dipendenti delle dieci cooperative della federazione: supermercati, ristoranti, centri fitness e per il tempo libero, Scuola Club Migros e mercati specializzati (M-Electronics, Micasa, SportXX, Do it + Garden e OBI). Non si applica alle filiali del gruppo come Denner, Digitec Galaxus, M-Industrie e Hotelplan.

Il tour operator di Migros, duramente colpito dalle restrizioni messe in atto per arginare la pandemia, aveva dovuto ricorrere al lavoro ridotto su vasta scala, ma in questo caso particolare, «la decisione di non compensare più la differenza del 20% rispetto all'indennità standard risale all'inizio dell'estate, in considerazione delle difficoltà del settore», ha dichiarato un portavoce del gruppo all'agenzia finanziaria AWP.

Per quanto riguarda le altre filiali, la decisione se coprire o meno la differenza spetta a ciascuna di esse, anche se per il momento sono riuscite a superare la crisi sanitaria, con Digitec Galaxus che ha anche beneficiato fortemente dell'esplosione del commercio online e portato l'azienda ad assumere diverse centinaia di dipendenti.

Salario pieno garantito - «Ai dipendenti del commercio al dettaglio viene garantito l'intero stipendio, indipendentemente dalla loro situazione», ha detto il portavoce, sottolineando che questa decisione, presa dalle cooperative lunedì sera, ha comportato costi supplementari di circa 30 milioni di franchi l'anno scorso.

«Grazie a questa prestazione volontaria di Migros, i collaboratori interessati continueranno a ricevere il 100% del loro stipendio regolare durante il periodo di chiusura, come è avvenuto nel 2020», viene precisato nella nota.

L'informazione rivelata dal SonntagsBlick secondo cui Migros non intendeva più compensare completamente la perdita di guadagno dei suoi dipendenti in disoccupazione parziale, aveva suscitato una protesta e un commento indignato da parte di Unia, che in un comunicato parlava di «contraddizione incomprensibile» dal momento che da un lato il Ceo di Migros Fabrice Zumbrunnen si dice contento sui media dei buoni risultati aziendali, dall'altro riduce il salario dei suoi collaboratori che lavorano in regime di disoccupazione parziale a causa del Covid-19.

Il sindacato aveva inoltre sottolineato che soprattutto in tempi di crisi è fondamentale che i consumi interni non crollino: in questo ambito i lavoratori con bassi stipendi, che spendono ogni franco della loro busta paga, danno un contributo importante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
2 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
4 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
4 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
5 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
7 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
7 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
8 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
10 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
11 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
11 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile