KEYSTONE
Il nuovo presidente di Swissmem Martin Hirzel è contrario all'obbligo di telelavoro.
SVIZZERA
20.01.21 - 09:000

«Pensiamo che i dipendenti siano spesso meglio protetti sul posto di lavoro che a casa»

Martin Hirzel, nuovo presidente di Swissmem, è contrario all'obbligo di telelavoro

ZURIGO - Il nuovo presidente di Swissmem Martin Hirzel non è contento della politica sul coronavirus del Consiglio federale: in un'intervista rilasciata alla Neue Zürcher Zeitung (NZZ) di oggi si è espresso in particolare contro l'obbligo del telelavoro, affermando che la generalizzazione dell'home office impedisce la realizzazione di compiti essenziali.

«Ci sono molte cose che non si possono fare da casa», ha detto Hirzel. «Siamo sempre stati contrari a questo (...) pensiamo che con i nostri protocolli di protezione, i dipendenti siano spesso meglio protetti sul posto di lavoro che a casa».

«Abbiamo iniziato l'anno 2021 in modo ottimistico. Con la vaccinazione, si vede una luce in fondo al tunnel. E ora il Consiglio federale impone di nuovo un duro lockdown, che porterà a una grande incertezza nella popolazione e imprese, oltre naturalmente a peggiorare il clima degli investimenti», dichiara il presidente dell'associazione padronale svizzera dell'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica.

Aprire le frontiere per salvare il settore - Martin Hirzel non chiede alle autorità un piano di rilancio, ma semplicemente buone condizioni di ripresa. In cima alla lista c'è l'abolizione dei dazi doganali, una misura che «non danneggerebbe nessuno», secondo il presidente di Swissmem. «Per avere successo, abbiamo bisogno di personale ben formato, dobbiamo essere innovativi e abbiamo bisogno di accedere ai mercati mondiali».

A titolo di esempio, Hirzel cita l'Indonesia, in cui l'emergenza della classe media presenta grandi opportunità per l'industria svizzera. Inoltre, stigmatizza i dazi dell'importazione «proibitivi» che possono arrivare fino al 30%. Lo sbocco principale dell'industria MEM elvetica rimane l'Unione europea, con la quale il Paese deve assolutamente assicurarsi accordi quadro, continua il presidente di Swissmem.

Speranza prudente di ripresa - «Mi aspetto fermamente una ripresa a partire dalla metà dell'anno», continua Hirzel. La rapidità del ritorno all'attività dipenderà tuttavia dalle campagne di vaccinazione avviate in Svizzera negli ultimi giorni. «Dobbiamo di nuovo poter lavorare e viaggiare normalmente», chiede il presidente di Swissmem. «Il secondo semestre (del 2021, ndr) ha un enorme potenziale, tanto più che in Europa e negli Usa stanno per essere attuati enormi programmi di rilancio economico», afferma Hirzel.

Per quanto riguarda l'evoluzione prevista dell'occupazione, ritiene che sia ancora troppo presto per trarre una conclusione definitiva. Il ricorso al lavoro ridotto ha permesso a molte aziende di affrontare la crisi senza far crollare i conti.

Resta da vedere se la fine degli aiuti porterà a un'ondata di fallimenti. «Nel complesso, sono ottimista. Non mi aspetto drastici tagli di posti di lavoro nel nostro settore», conclude. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
6 min
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
ZERMATT
1 ora
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
SVIZZERA
4 ore
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
5 ore
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
5 ore
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
ZURIGO
6 ore
Donna spinta sui binari, «Ho tenuto a terra il responsabile»
Arrestato un 27enne di origini eritree. Il testimone: «Lui si è comportato come se non fosse successo niente».
SVIZZERA
7 ore
«Niente più caramelle vicino alle casse dei supermercati»
La proposta è stata accolta con favore dal Consiglio federale
TURGOVIA
9 ore
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
10 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
10 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile