Keystone
GINEVRA
20.01.21 - 23:420

Quartieri poveri presi di mira dal coronavirus

Uno studio mostra che i focolai rimangono più a lungo nelle zone meno ricche.

Un secondo studio mette l'accendo soprattutto sulle zone abitate da giovani molto "mobili", ma con un basso reddito.

Fonte Jérôme Faas / 20 minutes
elaborata da Alessandra Ferrara
Giornalista

GINEVRA - I quartieri più poveri vengono colpiti più violentemente dal coronavirus. È la conclusione a cui è giunto uno studio condotto dagli ospedali universitari ginevrini, l'Università di Ginevra e il Politecnico di Losanna. Il risultato conferma quanto già stabilito da altre ricerche anglosassoni pubblicate quest'estate, che provavano una maggiore vulnerabilità al virus della popolazione economicamente sfavorita.

La ricerca, diretta dal professore Idriss Guessous dell'HUG, ha preso in esame i casi positivi registrati a Ginevra dal 26 febbraio al 30 aprile 2020. Dividendo il cantone in 2'830 "cellule abitative", i ricercatori hanno analizzato la persistenza nel tempo di 1'079 focolai secondo la ripartizione geografica. Il risultato è piuttosto netto: dopo due mesi nelle zone più agiate restava solo il 30% dei focolai, contro l'85% delle zone più sfavorite. 

«I focolai si spengono meno velocemente, e le persone sono dunque esposte per più tempo al virus» spiega Guessous. «Non è colpa degli abitanti, è l'ambiente che genera questa persistenza» della trasmissibilità. «Quello che mostra lo studio è che i focolai si organizzano spazialmente in funzione dell'indice di precarietà». 

Le spiegazioni sono però molteplici: appartamenti più piccoli o quartieri più popolati generano situazioni che aumentano la propagazione del virus, oltre al fatto che persone meno abbienti possono avere difficoltà nel reperire mascherine e gel disinfettanti. 

Un altro studio, basilese e pubblicato in dicembre, concorda con quanto osservato, ma formula ulteriori ipotesi. I ricercatori dell'università renana e del politecnico di Zurigo hanno constatato come il tasso di riproduzione del virus fosse nettamente più elevato nei quartieri abitati principalmente da giovani con un basso reddito, ma molto "mobili". Questa sezione di popolazione è sovente impiegata in settori dove non è possibile ricorrere al telelavoro, e i contatti tra persone sono numerosi.

Anche la massa corporea è stata presa in esame. In altre parole, l'obesità è più frequente nei quartieri meno ricchi, così come l'ipertensione e il tabagismo. E proprio questi fattori aumentano il rischio di sviluppare una forma severa di coronavirus. «È possibile che ci sia una specie di "doppia pena", un'intersezionalità dei problemi» commenta Idriss Guessous. Tuttavia questa ipotesi non è stata provata, «anche perché in Svizzera l'accesso alle cure intense è indipendente dal livello socio-economico dei pazienti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
I ticinesi «fanno bene» a testarsi per andare in Italia
Gli esperti della Confederazione fanno il punto sulla situazione epidemiologica in Svizzera
VAUD
3 ore
A piedi in A1, muore investita
Una 27enne è deceduta ieri sera all'uscita di Nyon. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
3 ore
Altri 1240 contagi in Svizzera
I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 10. Il bollettino giornaliero dell'UFSP
ZURIGO
3 ore
Oltre ottanta vetture modificate nella rete della polizia
È un bilancio di una serie di controlli effettuati in sedici giorni dalle autorità zurighesi
FOTO
ZURIGO
4 ore
La koala Pippa è morta di leucemia
È il terzo marsupiale dello Zoo di Zurigo che perde la vita a causa del retrovirus negli ultimi anni.
FOTO
SAN GALLO
6 ore
A nove mesi dalla tragedia è stata ritrovata anche la quarta vittima
L'incidente di canyoning si era verificato il 12 agosto 2020 tra le gole del Parlitobel nei pressi di Vättis.
ZURIGO 
7 ore
Miliardari: otto svizzeri fra primi 500 al mondo
Ma a dominare restano gli americani che tra l'altro occupano l'intero podio della classifica.
GRIGIONI
8 ore
Vaccino disponibile anche presso i medici di famiglia
Le quantità saranno distribuite secondo le priorità previste dal piano di vaccinazione cantonale.
SVIZZERA
17 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
20 ore
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile