Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.01.21 - 23:450

In caso di problemi, le responsabilità sono tutt'altro che evidenti

In Norvegia ci si interroga sul decesso di 23 anziani associati alla vaccinazione anti-Covid.

In Svizzera non è semplice capire chi dovrà rispondere in caso di problemi

Fonte 20minutes/YannickWeber
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

BERNA - Tra le critiche più comuni nei confronti dei vaccini autorizzati contro il Covid-19, spesso ne emerge una: non abbiamo abbastanza informazioni sugli effetti collaterali a lungo termine. Ma se dovessero essercene, chi sarà ritenuto responsabile? Il fabbricante del prodotto? Il medico o il farmacista che ha somministrato la dose? Le autorità che hanno autorizzato e raccomandato la vaccinazione? O il paziente stesso, a cui spetta la decisione finale di ricevere o meno l'iniezione? Mettiamo subito le cose in chiaro (si fa per dire): ad eccezione di pochi casi ben definiti, la risposta rischia di essere sempre la stessa: quasi nessuno.
 
L'UFSP, nel suo bollettino settimanale pubblicato ogni lunedì mattina, ha ricordato ieri le norme giuridiche in vigore in Svizzera. Tre entità potrebbero essere ritenute responsabili in caso di problemi "gravi" derivanti dalla vaccinazione, casi ritenuti «molto rari» dall'UFSP.

Il produttore? - In primo luogo, il produttore. In Internet circolano informazioni secondo le quali le aziende che hanno creato questi vaccini hanno firmato accordi per liberarsi da «ogni responsabilità» in caso di danno. Questo è solo parzialmente vero. In caso di conseguenze negative dovute a un difetto di fabbricazione del prodotto, il produttore sarà ritenuto responsabile.

Come ha rilevato la professoressa e vaccinologa dell'HUG Claire-Anne Siegrist su L'Illustré, «l'unica trasmissione (parziale) di responsabilità che i governi hanno deciso di assumersi, in cambio del rapido sviluppo di un vaccino, è il risarcimento che risulterebbe da gravi effetti indesiderabili troppo rari per poter essere identificati durante gli studi clinici». In altre parole, le conseguenze collegate al vaccino non renderebbero responsabile il suo produttore se, prima dell'autorizzazione, non potevano essere previste.

Chi somministra la dose? - Per medici e farmacisti, a meno che non vi sia un errore evidente come un dosaggio sbagliato, le responsabilità si concentrano principalmente sulle informazioni da fornire alle persone vaccinate, affinché possano dare il loro «consenso informato». Ad esempio, «va sottolineato che tutti i rischi non sono ancora noti (ad esempio, possibili danni a lungo termine)», riconosce l'UFSP. Il medico, il centro di vaccinazione o la farmacia possono essere ritenuti responsabili solo in caso di «violazione del dovere di diligenza».

L'UFSP? - Infine, una possibile responsabilità spetta alle autorità, poiché raccomandano la vaccinazione e mettono in atto una campagna di vaccinazione. L'UFSP ricorda che la legge sulle epidemie prevede un risarcimento in caso di problemi, ma sembra sottrarsi un po' alla sua possibile responsabilità. «Il fatto che l'UFSP elabori e pubblichi raccomandazioni sulle vaccinazioni non giustifica una responsabilità dell'UFSP, perché il personale medico non sempre rispetta queste raccomandazioni e direttive. La decisione di effettuare ogni vaccinazione spetta quindi sempre alla persona interessata e alla persona che somministra la dose», si legge nel bollettino settimanale.

Una risposta che non rassicura chi aveva intenzione, in caso di gravi problemi, di chiamare qualcuno a risponderne davanti alla giustizia. «Non sarà comunque necessario: la legge sulle epidemie prevede sostegno e assistenza a chi dovesse subire un grave effetto negativo generato da un vaccino», sottolinea Claire-Anne Siegrist.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
Aliante contro le rocce, il pilota ha perso la vita
La polizia ha confermato il decesso di un 57enne vodese: era l'unica persona a bordo
BERNA
2 ore
Il disperso “illustre” genera un'ondata di recensioni negative
Diversi utenti con nomi indonesiani hanno preso di mira il fiume Aar dopo la scomparsa di un concittadino
VAUD
11 ore
Cade dalla finestra del suo alloggio sociale
Lo sventurato è stato trovato in gravi condizioni dopo un volo di una decina di metri
FOTO
VALLESE
12 ore
In diecimila per i mondiali del monopattino elettrico
La seconda manche dell'evento ha avuto luogo in questi giorni in Vallese
SVIZZERA
13 ore
La Svizzera ha ora troppi vaccini anti-Covid?
Contro il Covid ormai si vaccinano in pochi, ma Berna ha a disposizione 34 milioni di dosi
VALLESE
15 ore
Un aliante si schianta in Vallese
È successo oggi nella regione di Sanetsch. Non è noto se vi siano vittime o feriti
SVIZZERA
17 ore
Primati di calore e ora la minaccia di «effetti fatali»
Da marzo a maggio le temperature sono state di circa 2,5 gradi superiori alla norma
BERNA
21 ore
Vacanze estive, pochissimi resteranno in Svizzera
Un terzo di coloro che resteranno in patria, intendono trascorrere le ferie in Ticino.
GINEVRA
22 ore
Contro l'omofobia c'è chi si radicalizza
Irruzione di un collettivo durante la presentazione di un libro a Ginevra. Le associazioni Lgbtiq prendono posizione
SAN GALLO
1 gior
«Farò una strage a scuola», ma scherzava
La bravata di un dodicenne per diventare virale su TikTok ha messo in allerta la polizia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile