keystone
SVIZZERA
16.01.21 - 14:320
Aggiornamento : 17:00

«Potremmo dover chiudere le piste da sci»

La consigliera federale Viola Amherd non esclude provvedimenti. E difende la scuola reclute a distanza

BERNA - A seconda dell'evoluzione della pandemia la Svizzera potrebbe vedersi costretta a chiudere anche i comprensori sciistici: lo afferma la consigliera federale Viola Amherd.

«Sulle piste si rimane all'aria aperta», riconosce la ministra della difesa in un'intervista pubblicata oggi dal portale Watson e dalle testate di CH Media. «Al momento è giusto che siano aperte, ma dobbiamo essere flessibili. A seconda degli sviluppi, potrebbe essere necessario chiuderle».

«È il virus a stabilire i ritmi, non la politica», prosegue la politica PPD, nota per essere stata in governo in favore di misure incisive anti-Covid. «È quasi impossibile pianificare a lungo termine».

Secondo Amherd si tratta di preservare gli interessi economici, ma non solo quelli. «La gente ha bisogno di qualcosa da fare nel tempo libero. Se non si può più fare nulla e se i contatti sociali sono completamente limitati l'impatto sulla psiche è enorme. È importante che ci si possa ancora muovere».

La responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) prende anche posizione sulle critiche di chi vede scarsa marzialità nella scuola reclute a distanza.

«Perché? È qualcosa di innovativo!», risponde la 58enne. «Di solito l'esercito viene sempre accusato di rimanere ancorato a vecchie strutture. In definitiva, si parla di apprendimento a distanza, che funziona bene in tutte le altre istituzioni educative, come le università e gli istituti tecnici. E prima o poi tutte le reclute dovranno arrivare in caserma: scaglionate, in modo da poter attuare i piani di protezione», conclude Amherd.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
3 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
5 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
5 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
6 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
7 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
9 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
9 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile