20 Minuten
SVIZZERA
16.01.21 - 14:100
Aggiornamento : 17.01.21 - 08:47

Stazioni sciistiche prese d'assalto dopo la grande nevicata

Davanti alle casse o nei pressi degli impianti sono state immortalate lunghe code di sciatori.

Le stazioni sono sotto pressione anche per la grande quantità di neve caduta nelle scorse ore.

BERNA - Complici le abbondanti nevicate degli scorsi giorni e la radiosa giornata di sole, è in corso un assalto alle stazioni sciistiche svizzere: le immagini diffuse dai media, dai social e dalle webcam mostrano lunghe code davanti agli impianti o alle casse in molti comprensori di primo piano. In non poche località è stata inoltre interrotta la vendita di giornaliere già di primo mattino.

«Abbiamo un'affluenza molto grande», ha confermato Heinrich Michel (CEO delgli impianti di Flumserberg) a 20 Minuten. «Non vendiamo biglietti dalle 9.30 del mattino. La montagna è attualmente piena». A Unterterzen, presso la stazione a valle, i parcheggi hanno dovuto essere chiusi a causa della troppa affluenza. Chi vuole viaggiare con i mezzi pubblici non può scendere a Unterterzen, ma viene portato fino a Sargans.

Le stazioni erano sotto pressione anche per via delle elevate quantità di neve cadute: la preparazione delle piste è risultata quindi non sempre facile. A Zermatt, solo poco più della metà delle piste erano aperte, ha riferito Mathias Imoberdorf a 20 Minuten. «Cerchiamo sempre di preparare tutte le piste durante la notte. Se nevica molto o la sicurezza dei battipista è in pericolo, non tutte le piste possono essere sempre pronte entro il giorno successivo», spiega. Situazione simile dalla regione della Jungfrau. Anche lì, non tutte le piste non hanno potuto essere preparate.

Vengono anche segnalate valanghe - al di fuori dei percorsi segnalati per gli sciatori - in varie località, fra cui Engelberg (OW), dove si cerca attivamente se non vi siano persone sepolte.

20 Minuten
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
3 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
4 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
5 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
6 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
6 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
8 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
9 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile