KEYSTONE
Niente tampone ogni 48 ore ai frontalieri: lo chiede la commissione dell'Alto Reno.
SVIZZERA/GERMANIA
15.01.21 - 17:010
Aggiornamento : 18:48

Il tampone obbligatorio ai frontalieri potrebbe avere un «forte impatto negativo»

La commissione dell'Alto Reno chiede un regime eccezionale rispetto alle misure introdotte da Berlino

AARAU - Nella regione di confine svizzero-tedesca non deve essere applicato il controllo obbligatorio, tramite tampone, dei frontalieri ogni 48 ore, deciso dal governo di Berlino. È la richiesta della commissione dell'Alto Reno (Hochrheinkommission, HRK), di cui fanno parte Argovia, Sciaffusa e il Land del Baden-Württemberg.

Il traffico frontaliero locale dovrebbe continuare a beneficiare di un regime eccezionale, scrive oggi in un comunicato la commissione. Le nuove regole su test e ingressi emanate dalla Germania ieri potrebbero avere un «forte impatto negativo» sulla regione di frontiera.

La Germania potrebbe designare la Svizzera come territorio ad alta incidenza a causa del numero delle infezioni. Ai 60'000 pendolari del Baden-Württemberg che lavorano nella Confederazione, le nuove norme impongono un tampone del coronavirus ogni due giorni.

Stando alla HRK, ciò equivarrebbe di fatto «a una chiusura della frontiera», in quanto non sarebbe conveniente predisporre una tale capacità di test. La regola colpirebbe in modo particolarmente duro i dipendenti nel settore sanitario e dell'assistenza.

Il presidente della commissione e consigliere di Stato argoviese Stephan Attiger invita pertanto il governo del Baden-Württemberg a sfruttare il suo margine di manovra discrezionale, così da adeguare quanto deciso da Berlino e garantire un'assistenza sanitaria sicura nella zona.

L'esecutivo di Basilea Campagna questa settimana ha invece proposto che chiunque entri in Svizzera per più di 24 ore si sottoponga a un test antigenico rapido. Gli esami andrebbero eseguiti indipendentemente dalla nazionalità della persona e, in caso di positività, dovrebbero portare immediatamente all'isolamento dell'interessato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
47 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile