Keystone
SVIZZERA
14.01.21 - 08:040
Aggiornamento : 10:14

«Anche la Svizzera ha finalmente cambiato rotta»

Gli epidemiologi che invocavano da settimane nuove chiusure sono ora soddisfatti

Ma il "mini lockdown" non esclude che i contagi aumenteranno, anche a causa delle nuove varianti di coronavirus in circolazione.

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - Gli epidemiologi lo hanno chiesto per settimane. Infine, ieri, il Consiglio federale ha deciso di dare un ulteriore giro di vite ai provvedimenti contro la diffusione del coronavirus prolungando, da una parte, la chiusura di ristoranti, strutture per la cultura, lo sport e il tempo libero, e dall'altra adottando nuovi provvedimenti per ridurre in modo drastico i contatti. 

Il professor Jan Fehr, a capo del Dipartimento della salute pubblica dell'Università di Zurigo, si rallegra delle decisioni di Berna. «La Svizzera ha finalmente capito che non è un'isola - commenta a 20 Minuten -. È stato un passo assolutamente necessario e speriamo sia sufficiente per tenere ora sotto controllo la situazione. Anche se onestamente avrei preferito vedere la fine della "via alternativa" svizzera già alcune settimane fa».

Per Nicole Probst-Hensch, a capo del dipartimento di epidemiologia presso l'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale TPH, queste misure «ci avvicinano alla strategia che molti paesi europei stanno attuando da tempo. Ora abbiamo due vaccini e dobbiamo concentrare le nostre risorse su essi e questo mini lockdown può aiutarci in questo». La dottoressa ha finora condiviso le scelte di Berna: «Se avesse introdotto misure severe già in autunno, il danno sulla mente della popolazione sarebbe stato maggiore. Non è semplice trovare un equilibrio per, da una parte, proteggere le categoria a rischio e, dall'altra, garantire una qualità di vita a tutti».

«La cattiva notizia è che le varianti del virus sono arrivate in Svizzera, col rischio che i casi raddoppino ogni settimana» ha detto ieri il ministro della sanità Alain Berset. Che ha però aggiunto: «La buona notizia è che adottiamo questi provvedimenti tre settimane in anticipo, basandoci sulla situazione in Gran Bretagna». Ma la professoressa Probst-Hensch non esclude che nonostante il lockdown i numeri aumenteranno. Spera però che «avremo più tempo per vaccinare chi lo desidera». Anche il professor Fehr è dello stesso avviso: «Al momento a proteggere la maggior parte della popolazione non è ancora il vaccino, ma le chiusure».

Entrambi condividono la scelta di non toccare, per il momento, le scuole. «Anche se non va esclusa come ultima mossa se le cose dovessero peggiorare». Mentre sono divisi sulla decisione di non chiudere le piste da sci. Se per Fehr «non ha senso» alla luce di altre misure, Probs-Hensch è invece convinta dell'importanza di «concedere alle persone la possibilità di svagarsi all'aria aperta».

Il futuro? La campagna di vaccinazione è partita e «si vede la luce in fondo al tunnel», ma «sarà ancora lunga». E dovremo convivere ancora per molti mesi con le misure di igiene, distanziamento sociale e l'utilizzo della mascherina.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
1 min
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
4 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
5 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
6 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
8 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
9 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
23 ore
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
23 ore
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
1 gior
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
SVIZZERA
1 gior
Ecco le nuove misure decise dal governo
Nuove restrizioni contro il Covid: è iniziata la conferenza stampa da Palazzo Federale. Segui la diretta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile