keystone-sda.ch (MARTIAL TREZZINI)
SVIZZERA
13.01.21 - 23:150

Casi di rigore, HotellerieSuisse: «Domande da evadere rapidamente»

L'associazione di categoria accoglie con favore il miglioramento degli importi concessi alle aziende colpite

BERNA -  

HotellerieSuisse prende atto dalla decisione del Consiglio federale, che ha optato per un irrigidimento delle misure di protezione anti-Covid. «Per il ramo alberghiero le condizioni quadro restano critiche, dato che la domanda turistica è fortemente compromessa da quasi un anno. Sebbene le sue aziende non siano mai state soggette alla chiusura coatta, risentono molto delle pesanti restrizioni imposte alla catena di creazione del valore del settore turistico».

Viene quindi salutato con favore «il miglioramento deciso oggi dal Consiglio federale» in materia di aiuti per i casi di rigore. «Come richiesto da HotellerieSuisse, gli importi concessi alle aziende colpite sono stati aumentati in termini di quota e consistenza nominale». Il risarcimento massimo passa dal 10% al 20% del fatturato: una differenza «centrale» per un settore che sostiene costi fissi elevati come quello alberghiero. HotellerieSuisse plaude anche all’aumento a massimo 750mila franchi degli importi nominali, che tiene conto delle necessità delle aziende più grandi. «I limiti massimi, però, vanno incrementati ulteriormente se si vuole evitare di penalizzare le imprese alberghiere ad alta intensità di capitali». Il programma per i casi di rigore è infatti cucito intorno alle piccole imprese e quindi penalizza molti alberghi che generano fino a 50 milioni di franchi di fatturato. Per questo, HotellerieSuisse si appella di nuovo al mondo politico affinché provveda agli adeguamenti del caso. «Qualora ciò non succeda, le aziende in questione subirebbero una disparità di trattamento che sfocerebbe in iniquità».

È importante al contempo che gli aiuti per i casi di rigore siano erogati con rapidità. «Tocca quindi ai cantoni provvedere a una tempestiva elaborazione delle relative domande. La decisione del Consiglio federale di esonerare le aziende interessate dalla chiusura coatta di provare il calo della cifra d’affari non può infatti penalizzare le imprese del nostro comparto» ed è «d’obbligo garantire una compensazione congrua, rapida e semplice».

L'associazione di categoria quindi una riduzione della soglia di accesso, dal 40% al 30% del fatturato perso. «Molte aziende hanno già esaurito le loro riserve. Le perdite subite dal ramo alberghiero non sono compensabili e provocano inevitabilmente una forte crescita dell’indebitamento. Inoltre, gli hotel realizzano margini e riserve esigui per motivi intrinseci».

Infine un consiglio per il futuro: il potenziamento della capacità di eseguire i test potrebbe evitare di ricorrere «sempre e solo» sulle restrizioni, conclude HotellerieSuisse. «In Svizzera i turisti e i collaboratori dovrebbero poter fare il tampone in tutta semplicità – anche quando asintomatici. La creazione di un sistema intelligente di diagnosi sosterrebbe infatti la ripresa del settore turistico, consentendo di sfruttare meglio la relativa infrastruttura. L'accesso universale a test gratuiti o a prezzi fortemente ridotti dovrebbe completare la strategia vaccinale della Confederazione per la lotta alla pandemia. Purtroppo, oggi il Consiglio federale non si è espresso in merito».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
Al take-away con la gamella
Greenpeace esorta la popolazione a sostenere bar e ristoranti, ma prestando attenzione all'ecologia
SVIZZERA
1 ora
Ad aprile Swiss cancella 9'200 voli
Sono oltre 43'000 i passeggeri interessati dalla misura dovuta alla pandemia
Attualità
1 ora
«La Svizzera ha perso molto prestigio internazionale»
Lo dice l'ex presidente BNS Philipp Hildebrand, che invita la Confederazione a elaborare un piano d'azione
SVIZZERA
2 ore
Sarà un'estate di grandi eventi?
Il ministro della sanità Alain Berset intende autorizzarne lo svolgimento
SVIZZERA
2 ore
La Posta A continuerà a esistere
Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»
SVIZZERA
2 ore
Per gli alberghi una stagione invernale da dimenticare
Il settore fa i conti con perdite milionarie. E al momento le prenotazioni per l'estate sono inferiori al 2019
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
15 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
16 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
16 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile