Archivio Keystone (immagine illustrativa)
SVIZZERA
12.01.21 - 17:090

L'influenza aviaria sta raggiungendo la Svizzera

Le autorità federali invitano ad adottare i necessari provvedimenti per proteggere il pollame domestico

BERNA - L'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) si sta avvicinando alla Svizzera. Dopo diversi casi nel sud della Germania, è infatti stata rilevata la presenza del virus in un cigno a Costanza. È quindi altamente probabile che l'epizoozia raggiunga anche il nostro paese, come fa sapere oggi l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV).

Secondo le attuali conoscenze, la malattia attualmente in circolazione non è trasmissibile all'uomo. Ma sono necessarie misure precauzionali per proteggere il pollame domestico, impedendo tra l'altro il contatto tra quest'ultimo e gli uccelli selvatici.

I detentori di pollame sono chiamati a osservare quanto segue:

  • alimentare e abbeverare il pollame solo in locali di stabulazione non accessibili agli uccelli selvatici;
  • rispettare rigorosamente le misure di biosicurezza come cambiare le scarpe prima di entrare nei locali di stabulazione, indossare abiti da lavoro appositi per questa zona, disinfettare le mani;
  • sono ancora possibili detenzioni all’aperto e uscite al pascolo ma occorre eseguire i preparativi necessari per tenere eventualmente gli animali in un’area con clima esterno; le griglie esistenti devono essere controllate per verificare la presenza di fori;
  • si ricorda in particolare ai detentori amatoriali che la registrazione delle aziende avicole è obbligatoria.

Dalla fine di ottobre, i casi di influenza aviaria sono aumentati notevolmente negli uccelli acquatici selvatici dell’Europa settentrionale. All’inizio di novembre sono comparsi anche i primi casi nelle aziende avicole. Con la migrazione degli uccelli, il virus si è diffuso verso ovest e verso sud. Gli uccelli acquatici selvatici che svernano in Svizzera sono già arrivati e sono attualmente fermi. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria segue da vicino la situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
2 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
2 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
4 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
6 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
7 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
9 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
9 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
10 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
18 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile