Immobili
Veicoli
Archivio Keystone (immagine illustrativa)
SVIZZERA
12.01.21 - 17:090

L'influenza aviaria sta raggiungendo la Svizzera

Le autorità federali invitano ad adottare i necessari provvedimenti per proteggere il pollame domestico

BERNA - L'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) si sta avvicinando alla Svizzera. Dopo diversi casi nel sud della Germania, è infatti stata rilevata la presenza del virus in un cigno a Costanza. È quindi altamente probabile che l'epizoozia raggiunga anche il nostro paese, come fa sapere oggi l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV).

Secondo le attuali conoscenze, la malattia attualmente in circolazione non è trasmissibile all'uomo. Ma sono necessarie misure precauzionali per proteggere il pollame domestico, impedendo tra l'altro il contatto tra quest'ultimo e gli uccelli selvatici.

I detentori di pollame sono chiamati a osservare quanto segue:

  • alimentare e abbeverare il pollame solo in locali di stabulazione non accessibili agli uccelli selvatici;
  • rispettare rigorosamente le misure di biosicurezza come cambiare le scarpe prima di entrare nei locali di stabulazione, indossare abiti da lavoro appositi per questa zona, disinfettare le mani;
  • sono ancora possibili detenzioni all’aperto e uscite al pascolo ma occorre eseguire i preparativi necessari per tenere eventualmente gli animali in un’area con clima esterno; le griglie esistenti devono essere controllate per verificare la presenza di fori;
  • si ricorda in particolare ai detentori amatoriali che la registrazione delle aziende avicole è obbligatoria.

Dalla fine di ottobre, i casi di influenza aviaria sono aumentati notevolmente negli uccelli acquatici selvatici dell’Europa settentrionale. All’inizio di novembre sono comparsi anche i primi casi nelle aziende avicole. Con la migrazione degli uccelli, il virus si è diffuso verso ovest e verso sud. Gli uccelli acquatici selvatici che svernano in Svizzera sono già arrivati e sono attualmente fermi. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria segue da vicino la situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
2 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
4 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
15 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
18 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
20 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
21 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
22 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
22 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
1 gior
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile