Adrian Moser/Tamedia
SVIZZERA
10.01.21 - 19:310
Aggiornamento : 21:34

È ancora silenzio su quelle mascherine per l'esercito pagate 9.90 fr. l'una

La fornitura acquistata a marzo 2020 da Emix mette sotto pressione Viola Amherd e il Ddps. E si indaga per usura

Si tratta di un ordine da 22 milioni di franchi

BERNA - Un ordine da 22 milioni di franchi che fa discutere, quello fatto lo scorso marzo dall'esercito al grossista Emi Trading AG. Il motivo, come riportato in precedenza dalla SonntagsZeitung, sono i prezzi molto elevati degli articoli, fra questi spiccano mascherine protettive di tipo FFP2 pagate fino a 9.90 al pezzo. 

«È un prezzo alto, anche tenendo conto del momento e del contesto», conferma al domenicale Markus Näf coordinatore degli acquisti del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). In quel momento erano diversi gli stati a correre ai ripari, innestando un gioco di speculazioni che ha arricchito molti. Malgrado ciò la Svizzera ha comunque pagato molto di più i suoi acquisti rispetto ad altre nazioni confinanti come Italia, Francia e Germania.

«Viola Amherd intervenga»

La questione è finita anche sui banchi di Palazzo Federale, la Commissione della Gestione ha aperto un'indagine a riguardo. A fare pressione in parlamento anche un'interrogazione della socialista Franziska Roth che vuole che si preoccupa di ulteriori sperperi e chiede che sia fatta chiarezza: «Viola Amherd deve intervenire sulla questione, si rischia di danneggiare irrimediabilmente la fiducia nel DDPS». 

Sempre Näf, dal canto suo si smarca: «Non ero coinvolto negli accordi con Emix, all'epoca non lavoravo ancora come coordinatore», spiega. La sua entrata in carica, scrive la SonntagsZeitung, iniziata formalmente il 26 marzo 2020 coincide con le ultime consegne degli ordini da parte del grossista.

«In ogni caso il prezzo massimo d'acquisto è in linea con le direttive dell'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) di quel periodo, che era di massimo 10 franchi al pezzo», ribadisce, «anche il budget è stato approvato dall'UFSP». Sanità Pubblica che però nicchia a sua volta: «Se c'è un responsabile di questa situazione va cercato all'interno del DDPS, non altrove».

Unica certezza, in questo gioco di rimpalli, è chi ha voluto e a chi sono arrivate queste mascherine: l'esercito. L'ordine, infatti, è stato fatto per conto della farmacia dell'esercito, che conferma la firma sul contratto d'acquisto. Responsabile dal punto di vista delle finanze era l'ufficiale medico capo Andreas Stettbacher. Stando alla SonntagsZeitung alcuni anni fa era stato indagato per la sua gestione delle spese ma il tutto si era poi risolto in un nulla di fatto.

E a Zurigo si indaga per usura

Mascherine che il 26 febbraio costavano 7,50 e un paio di giorni dopo 9,50 e - a fare l'ordine - era l'ospedale di Bienne. Nessuna delucidazione, né la possibilità di visionare una ricevuta con il prezzo d'acquisto. Un incarto di alcune email di scambio, per un acquisto che poi non si è finalizzato, è alla base di un'indagine per usura aperta nel canton Zurigo nei confronti di Emix Trading AG. Per l'azienda, contattata dal domenicale, nulla di strano: si trattava «di normali fluttuazioni di mercato dovuta alla grande domanda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
8 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
12 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
17 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
18 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
19 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
21 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
21 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
1 gior
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
1 gior
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile