tipress (archivio)
BERNA 
06.01.21 - 18:360

Coronavirus: inizio di stagione difficile per le funivie

A livello nazionale, il volume d'affari è diminuito del 26%.

Il numero di ospiti è calato del 15% rispetto all'anno precedente.

BERNA  - Le funivie svizzere hanno avuto un inizio di stagione difficile. Tre quarti delle stazioni sciistiche erano aperte, ma la maggior parte di loro lamenta di un calo del fatturato e degli ospiti.

A livello nazionale, il volume d'affari è diminuito del 26% e il numero di ospiti del 15% rispetto all'anno precedente.

Normalmente circa il 30% del fatturato totale è realizzato entro la fine del periodo delle feste, ma la mancanza di una pianificazione sicura e le notevoli spese aggiuntive per le norme di protezione dal coronavirus hanno assillato gli operatori, scrive oggi l'associazione di categoria Funivie Svizzere.

In base alle indicazioni finora raccolte, le grandi destinazioni di sport invernali di Vallese, Berna e Grigioni, orientate a livello internazionale, hanno avuto un calo degli affari del 40-60%. Anche le aree con molti visitatori giornalieri hanno registrato perdite.

Solo le Alpi vodesi e friburghesi hanno beneficiato di condizioni di innevamento migliori rispetto all'anno precedente. Il fatto che i ristoranti lungo le piste sono rimasti aperti nella maggior parte dei cantoni della Svizzera occidentale ha contribuito all'andamento degli affari, ma nel complesso l'aumento di un terzo del numero di ospiti nel soleggiato mese di novembre non è stato in grado di compensare le perdite subite all'inizio della stagione invernale.

Secondo Funivie Svizzere, i concetti di protezione per il Covid-19 si sono dimostrati validi e gli ospiti li hanno accettati bene. L'associazione è convinta che sia possibile praticare lo sci durante la stagione invernale malgrado l'epidemia. Decisivi sono ora i mesi di febbraio e marzo, dove gli impianti di risalita generano la metà dei loro ricavi durante le vacanze sportive.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
16 min
Chi si è già ammalato di Covid verrà vaccinato con una dose
Il Consiglio federale ha modificato le sue raccomandazioni per i preparati di Biontech/Pfizer e Moderna.
BERNA
3 ore
Riaprono le terrazze, ma non solo
Da lunedì saranno di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico.
URI
3 ore
Inversione di marcia sull'A2 per entrare nel tunnel del San Gottardo (che però era chiuso)
Il conducente protagonista della manovra è stato fermato poche centinaia di metri dopo che era entrato dal portale nord
SVIZZERA
4 ore
Volare Swiss col Travel Pass per il test Covid
La compagnia introduce l'app sperimentale sul collegamento Zurigo-Heathrow
Attualità
5 ore
La campagna vaccinale vodese cambia marcia
Nel cantone romando ora anche i 50enne potranno annunciarsi per un appuntamento.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 2'601 nuovi casi e 14 decessi
In discesa il tasso di positività, oggi al 7%. Si registrano inoltre altre 89 ospitalizzazioni.
ZUGO
7 ore
Fuori strada sulla A4, è grave
La donna alla guida, stando all'alcol test, era ubriaca
BERNA
7 ore
I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass
I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.
SAN GALLO
8 ore
Ferma l'auto per un controllo, doganiere trascinato per diversi metri
Il 57enne impiegato dell'AFD ha subito gravi ferite alla testa
SVIZZERA
11 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Conferenza stampa alle 16.30
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile