Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
BERNA 
06.01.21 - 18:360

Coronavirus: inizio di stagione difficile per le funivie

A livello nazionale, il volume d'affari è diminuito del 26%.

Il numero di ospiti è calato del 15% rispetto all'anno precedente.

BERNA  - Le funivie svizzere hanno avuto un inizio di stagione difficile. Tre quarti delle stazioni sciistiche erano aperte, ma la maggior parte di loro lamenta di un calo del fatturato e degli ospiti.

A livello nazionale, il volume d'affari è diminuito del 26% e il numero di ospiti del 15% rispetto all'anno precedente.

Normalmente circa il 30% del fatturato totale è realizzato entro la fine del periodo delle feste, ma la mancanza di una pianificazione sicura e le notevoli spese aggiuntive per le norme di protezione dal coronavirus hanno assillato gli operatori, scrive oggi l'associazione di categoria Funivie Svizzere.

In base alle indicazioni finora raccolte, le grandi destinazioni di sport invernali di Vallese, Berna e Grigioni, orientate a livello internazionale, hanno avuto un calo degli affari del 40-60%. Anche le aree con molti visitatori giornalieri hanno registrato perdite.

Solo le Alpi vodesi e friburghesi hanno beneficiato di condizioni di innevamento migliori rispetto all'anno precedente. Il fatto che i ristoranti lungo le piste sono rimasti aperti nella maggior parte dei cantoni della Svizzera occidentale ha contribuito all'andamento degli affari, ma nel complesso l'aumento di un terzo del numero di ospiti nel soleggiato mese di novembre non è stato in grado di compensare le perdite subite all'inizio della stagione invernale.

Secondo Funivie Svizzere, i concetti di protezione per il Covid-19 si sono dimostrati validi e gli ospiti li hanno accettati bene. L'associazione è convinta che sia possibile praticare lo sci durante la stagione invernale malgrado l'epidemia. Decisivi sono ora i mesi di febbraio e marzo, dove gli impianti di risalita generano la metà dei loro ricavi durante le vacanze sportive.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
2 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
4 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
6 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
8 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
10 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
1 gior
Stazioni sciistiche prese d'assalto
Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.
SVIZZERA
1 gior
Il Consiglio federale? «Indecisi e assetati di potere, non osano»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, ha criticato l'inazione del Consiglio federale
SAN GALLO
1 gior
Frena bruscamente, causa un incidente e poi scappa
Il conducente di una Golf ha costretto le auto dietro di lui a frenare, provocando un incidente
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile