Mascherina sui mezzi pubblici? «Anche dopo il coronavirus»
Archivio Keystone
SVIZZERA
29.12.20 - 08:160
Aggiornamento : 13:13

Mascherina sui mezzi pubblici? «Anche dopo il coronavirus»

Quest'anno l'influenza stagionale fatica a farsi strada. Cerny: «Il provvedimento potrebbe evitare ondate future»

Ma i cittadini «ne hanno abbastanza dei provvedimenti», secondo un altro esperto

Fonte 20 Minuten / Leo Hurni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

Mascherina

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - L'influenza stagionale? Fatica a farsi strada. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), quest'anno in tutto il mondo si contano ancora meno casi che durante tutto il 2019. Il motivo? Verosimilmente le misure attualmente adottate nella lotta contro la pandemia di Covid-19 stanno rendendo difficile la vita anche al virus dell'influenza. È quanto scrive l'UFSP nel suo più recente rapporto sulla situazione dell'influenza stagionale.

Ecco dunque che gli esperti vogliono trarre degli insegnamenti dall'esperienza fatta in questi mesi. Tra questi si conta per esempio l'infettivologo Andreas Cerny della Clinica Moncucco di Lugano: «Dalla situazione attuale si può imparare molto. Con le giuste misure, anche in futuro si potrebbe evitare l'influenza stagionale». Una malattia che si presenza di anno in anno, anche con ricoveri in ospedale.

Secondo l'esperto si potrebbe dunque valutare se mantenere determinate misure anche dopo la pandemia. Si parla per esempio della rinuncia alla stretta di mano. Oppure dell'obbligo di mascherina a bordo dei mezzi pubblici, che «avrebbe senso anche dopo il coronavirus» afferma Cerny. «Lo si osserva in Asia, dove durante la stagione fredda le persone sono più prudenti e le mascherine sono generalmente diffuse».

Molte persone non si sono però adattate volontariamente alla nuova situazione, secondo l'epidemiologo Heiner Bucher. «E in molti ne hanno abbastanza dei provvedimenti. Durante future ondate influenzali sarà difficile che rispettino misure protettive come la distanza sociale, una limitazione dei contatti o l'igiene delle mani». Per l'UFSP, in ogni caso, è importante che si possa tornare a una normalità senza grandi restrizioni. «Quando in futuro potranno essere revocati i provvedimenti anti-Covid, torneranno anche le ondate influenzali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
5 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
6 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
10 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
10 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
12 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
15 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
15 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
18 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
18 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile