Immobili
Veicoli
Mascherina sui mezzi pubblici? «Anche dopo il coronavirus»
Archivio Keystone
SVIZZERA
29.12.20 - 08:160
Aggiornamento : 13:13

Mascherina sui mezzi pubblici? «Anche dopo il coronavirus»

Quest'anno l'influenza stagionale fatica a farsi strada. Cerny: «Il provvedimento potrebbe evitare ondate future»

Ma i cittadini «ne hanno abbastanza dei provvedimenti», secondo un altro esperto

Fonte 20 Minuten / Leo Hurni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

Mascherina

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - L'influenza stagionale? Fatica a farsi strada. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), quest'anno in tutto il mondo si contano ancora meno casi che durante tutto il 2019. Il motivo? Verosimilmente le misure attualmente adottate nella lotta contro la pandemia di Covid-19 stanno rendendo difficile la vita anche al virus dell'influenza. È quanto scrive l'UFSP nel suo più recente rapporto sulla situazione dell'influenza stagionale.

Ecco dunque che gli esperti vogliono trarre degli insegnamenti dall'esperienza fatta in questi mesi. Tra questi si conta per esempio l'infettivologo Andreas Cerny della Clinica Moncucco di Lugano: «Dalla situazione attuale si può imparare molto. Con le giuste misure, anche in futuro si potrebbe evitare l'influenza stagionale». Una malattia che si presenza di anno in anno, anche con ricoveri in ospedale.

Secondo l'esperto si potrebbe dunque valutare se mantenere determinate misure anche dopo la pandemia. Si parla per esempio della rinuncia alla stretta di mano. Oppure dell'obbligo di mascherina a bordo dei mezzi pubblici, che «avrebbe senso anche dopo il coronavirus» afferma Cerny. «Lo si osserva in Asia, dove durante la stagione fredda le persone sono più prudenti e le mascherine sono generalmente diffuse».

Molte persone non si sono però adattate volontariamente alla nuova situazione, secondo l'epidemiologo Heiner Bucher. «E in molti ne hanno abbastanza dei provvedimenti. Durante future ondate influenzali sarà difficile che rispettino misure protettive come la distanza sociale, una limitazione dei contatti o l'igiene delle mani». Per l'UFSP, in ogni caso, è importante che si possa tornare a una normalità senza grandi restrizioni. «Quando in futuro potranno essere revocati i provvedimenti anti-Covid, torneranno anche le ondate influenzali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
3 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
4 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
5 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
7 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
10 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
10 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
11 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
11 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile