Keystone
Ancora presi di mira...
SVIZZERA
09.12.20 - 09:500

La ristorazione romanda non ci sta: «Noi abbiamo già fatto sacrifici. Lasciateci aprire»

Le nuove restrizioni imposte da Berna hanno creato indignazione nel settore: «Così veniamo puniti due volte».

Bar e ristoranti della Svizzera francese avrebbero dovuto riaprire a breve dopo la serrata iniziata il 4 novembre: «Si cambiano continuamente le regole del gioco. I romandi hanno fatto dei sacrifici».

LOSANNA - Sta sollevando un'ondata di accese proteste in Romandia l'intenzione espressa dal Consiglio federale di chiudere i ristoranti a partire dalle 19.00: negli editoriali della stampa si parla di schiaffo alla parte francofona del paese e di egoismo svizzero-tedesco. Al fronte, presso i ristoratori, vi è indignazione.

«Siamo arrabbiati e indignati», afferma in un'intervista alla radio RTS Gilles Meystre, presidente di GastroVaud, l'associazione dei bar e ristoranti del canton Vaud. «Si punisce due volte i romandi, si cambiano continuamente le regole del gioco».

«I romandi hanno assunto le loro responsabilità, hanno fatto dei sacrifici, hanno chiuso il 4 novembre», ricorda il deputato al Gran consiglio vodese. «In seguito si sono preparati alla riapertura, hanno approntato le ordinazioni, riempito i frigoriferi, decorato i ristoranti e preso nota delle prenotazioni. E poi, due giorni prima della riapertura si dice loro: "Ascoltate, potrebbe essere che non potrete servire di sera"».

«È una totale mancanza di rispetto del settore e dei romandi, è una punizione collettiva contro i bravi allievi che cerchiamo di essere», prosegue Meystre. «Ricordo che nessuna base scientifica prova attualmente che la ristorazione sia un focolaio di contagi o che presenti una situazione sanitaria più difficile di altre realtà».

«La curva dei contagi da noi si appiattisce e lo fa perché abbiamo trovato un equilibrio fra imperativi sanitari, economici e sociali. Lasciateci riaprire a determinate condizioni: applichiamo regole severe, controllateci, ma lasciateci prendere le nostre responsabilità. Che la Svizzera tedesca assuma a sua volta le sue responsabilità e ci lasci lavorare», tuona il politico PLR.

«Mi si deve spiegare perché quando va male in Romandia si lascia fare ai romandi e si dice che la competenza è dei cantoni, mentre il giorno in cui si vede che nella Svizzera tedesca la curva dei contagi aumenta in modo esponenziale la Confederazione riprende in mano la situazione. Credo che il federalismo abbia bisogno di stabilità: oggi il federalismo è a geometria variabile, con regole che cambiano continuamente, gli attori del ramo non sanno cosa devono fare, non vi è più alcuna prevedibilità, è lo jo-jo permanente».

«Lasciamo i romandi agire come stanno facendo», insiste Meystre. «E se non funzionerà adotteremo nuove misure, ma lasciamo che i governi cantonali agiscano come finora».

Non mancano le stoccate ai membri francofoni del governo di Berna. «I nostri cari consiglieri federali, Alain Berset e Guy Parmelin, si ricordino le loro radici e quanto fatto finora dai romandi. E se al settore sarà veramente portato il colpo finale - perché di questo si tratta, con la chiusura alle 19.00 - si tratta di varare aiuti, ma dei veri aiuti, non peanuts, aiuti a fondo perso, per il ramo e per tutti coloro che sono toccati indirettamente».

«Eravamo agonizzanti, ma ora sarà la morte», si lamenta l'imprenditore. «Per un ristoratore aprire solo a mezzogiorno, considerando anche la minora affluenza legata alla pandemia, non avrà senso», spiega. «Siamo in Romandia, non nella Svizzera tedesca dove forse mangiano alle 18.00».

Vi sarà un'ondata di chiusure e a livello nazionale sono in gioco centinaia di migliaia d'impieghi, osserva il presidente di GastroVaud. Riguardo alle indicazioni di un aiuto pubblico avanzate ieri da Berset, Meystre non si sbilancia. «Alle promesse io ci credo sempre di meno; voglio prima vedere le cifre».

L'operato del Consiglio federale - che ha messo in consultazione presso i cantoni le sue misure sino a venerdì - viene criticato da più parti anche sulla stampa romanda. Sotto osservazione è in particolare Berset, accusato di muoversi a seconda del vento che soffia da Zurigo. Un editorialista è categorico: «Il federalismo finisce là dove comincia l'egoismo dei cantoni svizzero tedeschi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 9 mesi fa su tio
La Confederazione da il compito ai Cantoni sulle misure da prendere. Le zone più a rischio si sono attrezzate come si deve, vedi Svizzera Romanda, poi arriva il Berset di turno e manda a ramengo anche quelli che si sono fatti un mazzo e speso soldi a non finire ! Qui qualcosa non funziona !!!!! In Italia, l'Abruzzo era in zona rossa e il responsabile della regione l'ha fatta diventare arancione senza chiedere nulla. Adesso a Roma sono incavolati ma lui se ne frega. Mi sta simpatico questo qui ;-))
Gio58 9 mesi fa su tio
Ma sì dai, chiudiamo tutto per uno o due anni. O anche in eterno. Tanto c'è la Confederazione che provvede, che problema c'è?! Ma chi è la Confederazione? Siamo tutti noi. E le risorse dove si prenderanno? Ma chissà?? Però mi raccomando, tutti chiusi ermeticamente in casa! Nessuno a fumare alle finestre o sui balconi! Sia mai che si vanifichino gli sforzi ed il virus colpisca.
pillola rossa 9 mesi fa su tio
@Gio58 Bravo!
Pongo 9 mesi fa su tio
si vabbè lo sapete che è una situazione straordinaria e che cambia tutto da un giorno all'altro, è così da un anno... continuate così che cambiate fegato ogni 3 anni
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Un detective per Berset
La Procura federale vuole vederci chiaro sul tentativo di estorsione da parte di una donna
SVIZZERA
2 ore
Incidente aereo a St.Moritz: ex capo squadriglia assolto
La sentenza è stata emessa dal Tribunale militare 2: il comportamento dell'uomo non sarebbe stato la causa dell'accaduto
SVIZZERA
2 ore
Alla frontiera con test o certificato: le risposte ai principali dubbi
A partire da lunedì 20 settembre, al confine varrà la regola del “doppio test” per i non vaccinati e i non guariti
GINEVRA
3 ore
Il super-evasore imbarazza Mirabaud
L'americano Robert Brockman avrebbe nascosto 1 miliardo di dollari a Ginevra
BERNA
3 ore
Incidente in piscina, muore una bambina di otto anni
È successo ieri a Bienne: la piccola è stata trovata in acqua priva di sensi. Oggi in ospedale è spirata
Svizzera
4 ore
Dodicenne muore durante la lezione di ginnastica
Solo un anno fa, un altro allievo moriva nelle stesse circostanze
SVIZZERA
5 ore
Entrata in Svizzera da lunedì solo per vaccinati, testati o guariti
Per i testati sarà inoltre necessario, tra il quarto e settimo giorno di permanenza, effettuare un secondo tampone.
SVIZZERA
6 ore
Dopo il “no” alla Legge sul CO2, ecco come salveremo il clima
Entro la fine dell'anno il DATEC dovrà presentare un progetto di legge senza nuove tasse ma con più incentivi
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 2'095 contagi in ventiquattro ore
Le autorità sanitarie federali segnalano 51 ricoveri e otto decessi legati al Covid
SVIZZERA
7 ore
Lex Netflix, «un costo per i giovani»
Un'alleanza di partiti giovanili intende lanciare un referendum contro la decisione del Parlamento
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile