Keystone
BERNA
04.12.20 - 12:160

Posta: nuovo record di pacchi per il Black Friday

Sono stati 7,3 milioni, quasi un quarto in più dell'anno scorso. La posta: «Non si scenderà più ai livelli pre Covid».

BERNA - Il volume di pacchi trattati dalla Posta in occasione del Black Friday e del Cyber Monday ha raggiunto quest'anno un nuovo record: 7,3 milioni di colli, quasi un quarto in più rispetto al 2019.

I collaboratori «hanno dato una prova di forza», scrive l'azienda in un comunicato odierno. Dal 23 novembre al primo dicembre hanno smistato e consegnato 7,3 milioni di pacchi, contro 5,9 milioni di pacchi lo scorso anno. I postini hanno recapitato ogni giorno in media oltre 900'000 invii e nei giorni immediatamente successivi a Black Friday e Cyber Monday addirittura oltre 1 milione.

Nei centri di smistamento le macchine sono rimaste in funzione 22 ore al giorno e il personale ha lavorato in turni straordinari anche il sabato. Questi ritmi saranno mantenuti anche nelle prossime settimane. I responsabili prevedono infatti un nuovo picco il 15 dicembre legato alle festività natalizie e un leggero calo dei nell'ultima settimana dell'anno

Contrariamente a quanto avvenuto in primavera durante il lockdown primaverile, la Posta è riuscita a prepararsi all'aumento dei volumi, affidando il trattamento di piccoli pacchi ai centri lettere. Inoltre i centri pacchi regionali, fra cui anche quello di Cadenazzo, hanno consentito di alleggerire il carico di lavoro dei grandi centri che altrimenti non avrebbero avuto sufficienti capacità.

Stefan Luginbühl, responsabile Mercato dei pacchi nazionale/internazionale e Ruedi Henke, responsabile Distribuzione e trasporti, ritengono che i volumi di pacchi non torneranno più al livello di prima del coronavirus. La Posta amplia le sue capacità da anni per adeguarsi all'aumento del commercio online, ma la crisi legata al coronavirus ha accelerato improvvisamente questo processo. Anche grazie a maggiori sinergie, Luginbühl è convinto che l'azienda riuscirà «a tenere sotto controllo i volumi nei prossimi anni». Entro il 2030 inoltre la Posta intende mettere in servizio altri centri pacchi, probabilmente in prossimità di grandi agglomerati urbani. Per il momento comunque il progetto è ancora in fase di pianificazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
37 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
1 ora
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
5 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
11 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
18 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
19 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
21 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile