Archivio Keystone
SVIZZERA
03.12.20 - 16:200
Aggiornamento : 17:01

Il Covid si riconosce dal respiro

Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità

LOSANNA - Con l'uso dell'intelligenza artificiale, i ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL), tramite ecografie dei polmoni e le tonalità del respiro, hanno sviluppato un algoritmo che è in grado di diagnosticare e prevedere la gravità del Covid-19 e di altre malattie respiratorie.

Il sistema dovrebbe essere pronto per la fine dell'anno. «I risultati ottenuti finora sono molto promettenti», riferisce un comunicato odierno dello stesso politecnico. Grazie ai rumori respiratori il nuovo algoritmo è perfino in grado di rilevare l'infezione asintomatica, identificando le modifiche dei tessuti polmonari prima ancora che il paziente se ne renda conto.

«Il sistema può essere paragonato a quelle applicazioni in grado d'identificare il brano musicale solo dal suono di poche note», spiega il Professor Gervaix, citato nel comunicato.

Il gruppo guidato da Mary-Anne Hartley, dell'EPFL, ha lavorato dall'inizio della pandemia assieme agli ospedali universitari svizzeri su due progetti di nuovi algoritmi: DeepChest, che utilizza i dati delle sonografie polmonari, e DeepBreath, che prende in considerazione i suoni del respiro registrati con uno stetoscopio digitale.

L'ospedale universitario di Losanna (CHUV) si occupa della parte clinica di DeepChest, raccogliendo migliaia d'immagini diagnostiche fatte con gli ultrasuoni su pazienti ricoverati d'urgenza con sintomi compatibili con un'infezione da SARS-CoV-2. Il progetto era iniziato nel 2019 con l'intenzione di distinguere meglio la polmonite virale da quella batterica. Sempre per meglio diagnosticare la polmonite, l'ospedale di Ginevra (HUG) registra già dal 2017 i rumori respiratori con un cosiddetto "pneumoscopio", ossia uno stetoscopio digitale.

Ora si sta lavorando per sviluppare un'applicazione che permetta a questi complessi algoritmi di funzionare sui telefoni cellulari, e anche nelle regioni più isolate.

Covid o no, la polmonite, che uccide più di un milione di bambini ogni anno, rimane una delle principali cause di morte tra i piccoli sotto i cinque anni, ricordano in ricercatori.

La polmonite è anche uno dei principali fattori di resistenza agli antibiotici, che colpisce soprattutto i paesi e le popolazioni povere. «Vogliamo raccogliere dati delle popolazioni sottorappresentate in modo che i nostri strumenti possano essere accurati anche per le classi meno abbienti», aggiunge Mary-Anne Hartley.

«La pandemia di coronavirus ha aumentato la consapevolezza della vulnerabilità della salute pubblica e della sua immensa complessità. La necessità di rafforzare le ricerca su larga scala nel campo dell'intelligenza artificiale per rispondere rapidamente alle emergenze non è mai stata così evidente. Speriamo che questo slancio continui oltre la pandemia e consenta un accesso equo all'assistenza sanitaria» conclude la scienziata, che attualmente sta cercando di raccogliere fondi per ampliare il progetto a delle regioni sudafricane colpite dalla tubercolosi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
8 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
GRIGIONI
9 ore
Nuova variante identificata a scuola: pronti i test a tappeto
L'istituto sarà chiuso fino al 6 febbraio, mascherina obbligatoria nel comune
SVIZZERA
10 ore
Ritardi anche per Moderna
Lo ha confermato l'UFSP, che non ha però specificato l'effetto dei ritardi sulle forniture elvetiche
SVIZZERA
12 ore
Il Governo raccoglie ampi consensi dopo gli adeguamenti odierni
Partiti e associazioni hanno accolto favorevolmente i provvedimenti.
SVIZZERA
12 ore
«Ecco cosa cambia per i test»
Il Consiglio federale e l'Ufsp hanno cambiato strategia per quanto riguarda l'esecuzione di tamponi.
LUCERNA
14 ore
Dal ritiro della patente all'arresto per una piantagione di canapa
La vicenda - avvenuta nel Canton Lucerna - era cominciata con un automobilista incappato in un controllo della polizia
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera 2'222 casi, 58 decessi e 85 ricoveri
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 27'204 tamponi. L'8,2% di questi è risultato positivo al Covid-19
BASILEA CITTA'
16 ore
Lonza vuole aumentare la produzione del vaccino di Moderna
Con 7,5 milioni di dosi ordinate, l'"antidoto" ha un ruolo centrale nel piano di vaccinazione svizzero.
SVIZZERA
17 ore
Altri miliardi per i casi di rigore e aiuti per i disoccupati
Il Consiglio federale ha deciso di portare da 2,5 a 5 i miliardi da destinare alle aziende in difficoltà.
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera solo col test negativo (se si arriva da un paese a rischio)
Il Consiglio federale punta anche su un maggiore impiego dei test rapidi per individuare gli asintomatici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile