deposit
BERNA
03.12.20 - 14:360

«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus

Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.

Particolarmente stressanti sono i fattori quali disoccupazione, problemi finanziari, solitudine o conflitti familiari, che possono accentuarsi durante la pandemia

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Mancanza di contatti sociali, preoccupazioni economiche, paure esistenziali, la scomparsa di una persona cara. L’emergenza coronavirus getta nell’insicurezza molte persone e può alterare gli equilibri della nostra vita. Giovedì 10 dicembre, a tal proposito, una giornata d’azione svizzera richiamerà l’attenzione sulle conseguenze dell’emergenza per la salute mentale.

All’insegna del motto «Parlarne. Trovare aiuto», l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), insieme a diversi media e organizzazioni, intende rafforzare la salute mentale ai tempi del coronavirus contribuendo a far cadere i tabù sull’argomento e far conoscere offerte d’aiuto. Il fatto che i problemi mentali siano considerati un tabù impedisce a molte persone di cercare aiuto.

Storie di vita e strategie - Durante la giornata d’azione le persone colpite spiegheranno come hanno vissuto e superato le sfide degli ultimi mesi, indicando così quali conseguenze può avere la pandemia sulla salute mentale. Le organizzazioni specializzate mostreranno quali offerte hanno messo in campo per aiutare le persone colpite e spiegheranno dove rivolgersi per accedere facilmente a un aiuto. Parlare dei problemi, cercare e accettare aiuto è una strategia importante per superare i momenti difficili quando le proprie risorse o quelle delle persone che si hanno intorno non bastano più. La giornata d’azione si rivolge anche alle persone senza problemi mentali, che possono fornire un aiuto attivo osservando il loro ambiente sociale e parlando con le persone se hanno la sensazione che queste non si sentano bene.

Tra gli anziani aumenta il sentimento di isolamento - L’emergenza dovuta al nuovo coronavirus pesa nuovamente di più sull’umore delle persone in Svizzera. Studi e sondaggi sullo stato d’animo generale della popolazione svizzera nell’autunno del 2020 indicano che, anche se la capacità di resistenza della popolazione resta alta, il 15 per cento circa si sente male o molto male. Tra le persone a partire dai 65 anni aumenta il sentimento di esclusione e di isolamento. I giovani si sentono più spesso infelici. Inoltre un terzo della popolazione non sa a chi rivolgersi in una situazione di emergenza. Nella fascia di età 15-25 anni si tratta addirittura del 45 per cento.

La stabilità mentale deriva da un equilibrio tra risorse e fonti di stress. Una situazione di emergenza, come quella che stiamo vivendo attualmente a causa della pandemia di COVID 19, può perturbare questo equilibrio. Particolarmente stressanti sono i fattori quali disoccupazione, problemi finanziari, solitudine o conflitti familiari, che possono accentuarsi durante la pandemia. Al contempo, le possibilità di attuare strategie consolidate di gestione dello stress, quali ad esempio il dialogo nella cerchia di amici, sono limitate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
matrix61 12 mesi fa su tio
OMS la "cosca" guardate il video https://youtu.be/aYV9vRImgUU
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GIURA
43 min
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
1 ora
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
2 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
2 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
4 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
4 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
SVIZZERA
5 ore
Oltre ottomila casi in Svizzera, 138 i nuovi ricoveri
Si aggrava la situazione ospedaliera: i pazienti Covid occupano ora il 26,5% degli spazi di terapia intensiva.
SVITTO
10 ore
Voci dal villaggio dei super no-vax
«Non bisogna dettare agli altri quello che devono fare», spiega la residente Nicole Bertschart.
VALLESE
10 ore
«La quarantena è un'esagerazione»
Il consigliere di Stato vallesano Christophe Darbellay critica le attuali norme d'ingresso introdotte contro la variante
SVIZZERA
10 ore
I Verdi puntano al Consiglio federale, anche attaccando il seggio PS
Dipende tutto dai risultati delle elezioni federali 2023, come afferma il presidente Balthasar Glättli
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile