Keystone (archivio)
La protesta di Greenpeace davanti alla sede di Nestlé ad aprile 2019: la ong da anni combatte gli imballaggi monouso.
SVIZZERA
02.12.20 - 12:010
Aggiornamento : 13:13

Plastica e inquinamento: Nestlé ancora sul podio

Meno dell'1% degli articoli della multinazionale elvetica è riutilizzabile.

Stando a Greenpeace, solo Pepsi e Coca-Cola sono davanti a Nestlé nella poco ambita classifica delle aziende maggiormente responsabili per l'inquinamento da plastica.

BERNA - Per il terzo anno consecutivo Nestlé sale sul poco ambito podio delle aziende maggiormente responsabili per l'inquinamento da plastica. Lo sostiene Greenpeace, secondo cui meno dell'1% degli articoli del colosso svizzero dell'alimentare è riutilizzabile.

Stando a un comunicato odierno dell'ong, la multinazionale di Vevey (VD) si piazza al terzo posto, «battuta» solo dai giganti americani della distribuzione di bevande Coca-Cola e PepsiCo. Dietro la lavagna finiscono anche altre due enormi compagnie del settore alimentare, ovvero la anglo-olandese Unilever e la statunitense Mondelez, entrambe già nella top cinque dei peggiori nei due anni precedenti.

Grazie a migliaia di volontari in 55 Paesi, i maggiori inquinatori di plastica al mondo hanno potuto essere identificati, spiega Greenpeace. In totale, essi hanno raccolto e catalogato 346'494 rifiuti, afferma l'organizzazione ambientalista, che si basa sui risultati del rapporto "Branded Volume III" del movimento Break Free From Plastic.

Se da un lato Nestlé ha ridotto il suo consumo di plastica rispetto al passato, dall'altro il gruppo ha aumentato di pochissimo il suo tasso di materiale riutilizzabile, riciclabile o compostabile. «Queste società fanno finta di combattere la crisi della plastica, ma continuano a investire in soluzioni sbagliate», afferma Matthias Wüthrich, esperto del settore per la sezione svizzera di Greenpeace, aggiungendo che le multinazionali devono «liberarsi della loro dipendenza dagli imballaggi monouso».

Se lo status quo dovesse perdurare, la produzione di plastica potrebbe raddoppiare entro il 2030 e addirittura triplicare entro il 2050, avverte l'ong. Greenpeace si dice inquieta non solo per i possibili devastanti effetti sul pianeta, ma anche per quelli sulla popolazione mondiale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
4 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
10 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
BERNA
12 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
BASILEA CAMPAGNA
17 ore
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
1 gior
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
SVIZZERA
1 gior
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
1 gior
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
ZERMATT
1 gior
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
SVIZZERA
1 gior
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile