Keystone
SVIZZERA
02.12.20 - 06:310

Natale col coronavirus? A casa e in una cerchia ristretta

È quanto prevede la maggior parte degli svizzeri, come emerge da un sondaggio di 20 minuti e Tamedia

Nel frattempo oltre la metà dei cittadini si dice pronte a farsi vaccinare. Ma un obbligo per tutti è escluso

BERNA - Durante le vacanze di Natale, i comprensori sciistici elvetici potranno verosimilmente restare aperti. Anche se probabilmente dovranno adottare piani di protezione più severi, limitando pure le presenze. Altri paesi, tra cui la Germania e l'Italia, intendono invece ordinare la chiusura degli impianti almeno fino a dopo Natale.

Ma in quanti prevedono effettivamente di trascorrere le feste sulla neve? In Svizzera si tratta del 14%, che avrebbe anche già prenotato. Mentre un altro 13% sarebbe intenzionato a partire per la montagna, ma per ora segue ancora l'andamento della pandemia. Quasi la metà degli svizzeri (si parla del 47%) è invece già sicura di restare a casa. Una percentuale, quest'ultima, che è particolarmente alta (65%) tra gli over 65. Ma anche tra i 18 e i 34 anni un buon 35% è pronto a rinunciare. È quanto emerge da un sondaggio di 20 Minuti e Tamedia a cui hanno preso parte, dal 26 al 29 novembre 2020, oltre 14'400 persone provenienti da tutto il paese.

Insomma, le autorità federali hanno a più riprese invitato la popolazione ad adottare un comportamento responsabile con l'obiettivo di rallentare la diffusione del nuovo coronavirus. E i cittadini starebbero rispondendo positivamente alla raccomandazione. D'altronde - come si evince ancora dal rilevamento - il 40% degli interpellati ritiene che le misure adottate contro il coronavirus da Confederazione e Cantoni siano adeguate. Per il 41% si potrebbe invece fare di più.

Un Natale in pochi - Ecco dunque che sempre con prudenza ci si prepara anche per festeggiare il Natale. Infatti, soltanto il 7% degli intervistati ha deciso di rinunciarvi. Il 54% prevede invece dei festeggiamenti adattati alla particolare situazione, quindi con una cerchia ristretta di amici o familiari. Una decisione, questa, che vede una distribuzione abbastanza omogenea su tutte le fasce d'età. C'è comunque anche un 12% che dichiara di voler festeggiare come se la pandemia non ci fosse. In questo caso si tratta soprattutto di giovani tra i 18 e i 34 anni, e anche di una maggioranza di persone che non intendono in alcun modo farsi vaccinare contro il coronavirus.

Più in generale, durante questa seconda ondata si osserva inoltre una limitazione dei contatti. Una limitazione che avviene su indicazione delle autorità federali e cantonali, ma senza un vero e proprio lockdown. Attualmente - secondo quanto emerge dal sondaggio - la metà della popolazione afferma di mantenere i contatti con due-quattro persone al di fuori della propria economia domestica. Un 23% arriva fino a dieci. Ma solo il 9% va oltre. In quest'ultimo caso si tratta soprattutto di giovani.

In attesa del vaccino - Il Natale lo passeremo senza un vaccino, come ha anche detto di recente il consigliere federale Alain Berset. Ma poi le prime dosi sono attese in Svizzera nella prima metà del 2021. Un obbligo di vaccinazione è attualmente escluso dalle autorità. E anche il 75% degli intervistati si dice contrario. C'è un consenso più ampio (45%), invece, nei confronti di un obbligo per i gruppi a rischio, come per esempio il personale sanitario.

Perché abbia un effetto stabilizzante, sarà però necessario che il 60% della popolazione si faccia vaccinare. Da questo punto di vista, potremmo essere sulla buona strada: secondo il rilevamento, il 53% dei cittadini (soprattutto uomini e persone che hanno molta fiducia nel Consiglio federale) sarebbe infatti intenzionato a vaccinarsi. Il 42% lo esclude. E un 5% è ancora indeciso.

Il sondaggio

Sono 14'470 le persone da tutta la Svizzera che dal 26 al 29 novembre hanno preso parte al sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulla pandemia. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,5%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Roche prepara il test antigenico per Covid e influenza
Il kit combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti
SVIZZERA
9 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
16 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
16 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
17 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
18 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
21 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
21 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
1 gior
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
1 gior
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile