foto admin.ch
SVIZZERA
26.11.20 - 13:490

Una donna proteggerà la Svizzera

Michaela Schärer dirigerà l'Ufpp da gennaio. È la prima da sempre in questo ruolo

BERNA - A partire dal prossimo mese di gennaio, l'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) sarà diretto da Michaela Schärer, 50 anni, che sostituirà l'attuale responsabile ad interim, divisionario Jean-Paul Theler. Quest'ultimo è stato promosso a capo di Stato maggiore dell'esercito. Entrerà in funzione a partire dall'anno prossimo.

La nomina della Schärer, titolare di un dottorato in diritto e dal 1995 in forza al Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), è stata decisa ieri dal Consiglio federale. Si tratta della prima volta che una donna occupa una simile mansione.

La nuova responsabile dell'UFPP è riuscita a convincere l'apposita commissione - che comprendeva anche il Consigliere di Stato ticinese Norman Gobbi - istituita dalla responsabile del DDPS, Viola Amherd.

In particolare, spiega una nota odierna del DDPS, le formazioni della Schärer e i suoi perfezionamenti, le comprovate prestazioni, la sua pluriennale esperienza in ambito amministrativo, nonché la sua competenza dirigenziale, organizzativa e sociale sono stati fattori decisivi per la nomina.

Dopo la licenza in diritto a Losanna, impreziosita da un dottorato a Ginevra e una parentesi come assistente al Politecnico federale di Losanna, nell'aprile 1995 Michaela Schärer è entrata a far parte dell'allora Dipartimento militare federale (poi DDPS), ricoprendo varie cariche, fino a diventare aggiunta scientifica presso la Segreteria generale del DDPS nell'ambito Politica di sicurezza e di difesa e relatrice per la politica di sicurezza e la protezione della popolazione nello Stato maggiore del capo del DDPS.

Nell'ottobre 2006 ha assunto la funzione di responsabile della sezione Servizi di stato maggiore del Corpo delle guardie di confine in seno all'Amministrazione federale delle dogane. Dal novembre 2011, in qualità di vicedirettrice, ha assunto la direzione della divisione principale Diritto e tributi e in seguito della divisione principale Procedure ed esercizio.

Nel luglio 2017 è stata nominata sostituta del direttore dell'Amministrazione federale delle dogane. Dopo una riorganizzazione interna ha assunto le funzioni di capo dell'ambito DOGANA che comprende 2000 collaboratori e dal gennaio 2020 di capo dell'ambito direzionale Operazioni con l'incarico di raggruppare in un'unica organizzazione i quattro circondari doganali e le sette regioni guardie di confine per un totale di 3500 collaboratori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
3 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
6 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
9 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
9 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
9 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
10 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
12 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
SVIZZERA
13 ore
Vaccino dai cinque anni in su: «Siamo in ritardo»
In Svizzera, contrariamente all'UE, i bambini sotto i 12 anni non possono ancora vaccinarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile