Keystone
SVIZZERA
18.11.20 - 09:070
Aggiornamento : 11:24

«Infettarsi con una fondue è improbabile»

È un must delle cene invernali. Ma ci si interroga sulla possibilità di mangiarla in tempi di pandemia.

Rispettando le distanze e le regole d'igiene si può fare, spiegano gli esperti: «La temperatura del formaggio è sufficiente per uccidere qualsiasi virus».

LOSANNA - Possiamo ancora assaporare una fondue senza temere che un commensale ci infetti? In Svizzera, dove questa pietanza la fa da padrone (specie d'inverno), la domanda imperversa e online in diversi si sono appassionati dell'argomento. «Mangiatela con una canna da pesca», suggerisce ad esempio qualcuno, preoccupato di rispettare la distanza fisica.

Un'altra idea, decisamente meno bizzarra, è che ognuno utilizzi due forchette e un coltello. Una forchetta da intingere nel formaggio fuso, il coltello per aiutarsi a togliere il pane e la seconda forchetta per mangiare.

«Sicuramente no» - Su alcuni media confederati, alcuni esperti sono stati chiamati in soccorso, arrivando addirittura a interpellare l'infettivologo ginevrino Didier Pittet. Che assicura: «Un rischio associato alla fondue? Certamente no».

Anche i casari svizzeri, riuniti all'interno dell'organizzazione Switzerland Cheese Marketing, sostengono di aver esaminato da vicino la questione e di aver concluso che «il rischio d'infettarsi con una fondue al formaggio è improbabile». Perché, come spiega il professor Christian Ruef, specialista in malattie infettive a Zurigo, «nel caquelon il formaggio fuso raggiunge una temperatura sufficiente per uccidere qualsiasi virus».

Il tête-à-tête è rischioso - Che sia la classica "moitié-moitié" (metà Vacherin e metà Gruyère) o qualsiasi altra fondue, la sua degustazione non presenta quindi alcun rischio di per sé.
Tuttavia, il professore esorta alla cautela, raccomandando di mangiarla in due o al massimo in piccoli gruppi: «Il problema sorge se si è seduti vicini, in un piccolo spazio, per una sera intera. Si parla ad alta voce, si ride o addirittura cantare, e queste sono le condizioni ideali per la diffusione del virus».

«Il rischio non è il caquelon, ma il tête-à-tête», sintetizza Gérald Bongioanni, manager del famoso Café du Soleil di Ginevra, che d'inverno serve fino a 300 fondute al giorno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Fafner 8 mesi fa su tio
Domani articolo sulla raclette, e mi raccomando, voglio sapere anche se è possibile mangiare lo Chateaubriand. Fate proprio articoli solo per colorare i pixel.
aleddgg 8 mesi fa su tio
Natale in famiglia neanche alain celo toglie!
Diablo 8 mesi fa su tio
@aleddgg Alain non puo toglierlo..non esiste base legale per fare una cosa del genere ..possono consigliare..ma non possono imporre alcun divieto di persone a casa tipo quello che decantano le autoritá cantonali ..consigliare si..imporre no.
Diablo 8 mesi fa su tio
state male...ripigliatevi.
Diablo 8 mesi fa su tio
State tutti male signori..ripigliatevi....
Pongo 8 mesi fa su tio
speculazioni edilizie
Mirketto 8 mesi fa su tio
Che scoperta.....questo articolo mancava proprio....
francox 8 mesi fa su tio
Se il manager che vende 300 fonde al giorno dice che il rischio non è il caquelon, sto tranquillo :-)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile