keystone
Viola Amherd
SVIZZERA
16.11.20 - 10:000

«Nello sport c'è una cultura della paura»

Abusi sulle ginnaste olimpiche: la consigliera federale VIola Amherd prende una dura posizione

BERNA - I casi di molestie e umiliazioni avvenute al centro sportivo di Macolin (BE) hanno scosso la consigliera federale Viola Amherd. In futuro, secondo la ministra, gli aspetti etici dovrebbero essere maggiormente presi in considerazione nella promozione dello sport.

In un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger, la consigliera federale si dice preoccupata dalle vicende di giovani ginnaste umiliate e attaccate nella loro dignità a Macolin.

La ministra dello sport si dice inoltre stupita che queste ultime abbiano osato parlarne solo una volta smesse le competizioni. In seno alla Federazione svizzera di ginnastica esiste in taluni ambiti una cultura della paura e ciò non è tollerabile, secondo Amherd.

Per la consigliera federale, occorre rivedere il sistema dalle fondamenta. Non è accettabile che bambini e giovani in piena fase di pubertà siano sottoposti a tali pressioni da perdere completamente la fiducia in se stessi.

I responsabili politici e delle federazioni sportive hanno per troppo tempo chiuso gli occhi, aggiunge Amherd, per la quale le recenti dimissioni ai vertici della Federazione svizzera di ginnastica sono il segnale di una nuova partenza. Ciò non sarebbe possibile se le persone responsabili degli abusi fossero ancora in carica, sottolinea la ministra.

A suo avviso le medaglie non devono essere il solo criterio di performance, l'etica deve essere presa in maggiore considerazione. In futuro, le direttive etiche dovranno giocare un ruolo nella distribuzione di fondi. Altrimenti la cultura e i comportamenti scorretti rischiano di perdurare.

Tra Swiss Olympic e le varie federazioni sportive esiste una carta etica, ricorda la consigliera federale vallesana, aggiungendo che ciò però non basta. I responsabili politici devono accompagnare più da vicino le associazioni sportive e verificare se la carta venga applicata quotidianamente.

La ministra dello sport rileva inoltre che se ciò non si verificasse, allora lo Stato interverrà e imporrà delle sanzioni, sebbene manchino attualmente gli strumenti per farlo. Per il momento, Amherd non vuole ritirare i finanziamenti alla Federazione di ginnastica per non punire migliaia di giovani atleti.

Ma se i fatti denunciati si riproducessero, allora vi saranno anche conseguenze finanziarie. Sembra che i soldi siano la sola lingua compresa da taluni responsabili, aggiunge la ministra.

Due settimane fa, otto ginnaste di alto livello avevano denunciato i metodi di allenamento e i maltrattamenti subiti al Centro sportivo di Macolin in un reportage pubblicato nell'inserto "Magazin" del Tages-Anzeiger. Parlavano di una cultura della paura che prevale a Macolin e di abusi psicologici. Da allora, diverse dimissioni sono state registrate in seno alla Federazione svizzera di ginnastica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA 
1 ora
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
2 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
3 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
3 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
4 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
5 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
7 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
9 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
SAN GALLO / ZURIGO
17 ore
San Gallo, un arresto e vari controlli
La polizia ha giocato d'anticipo, dopo gli appelli alla rivolta circolati sui social, con una massiccia presenza
GIURA
18 ore
I cavalli in volo nel cielo del Giura
È stato un successo l'esperimento compiuto giovedì e venerdì da veterinari e dall'esercito
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile