Keystone
SVIZZERA
08.11.20 - 13:380

Attentato di Vienna: all'MPC l'inchiesta sui due arrestati di Winterthur

L'incarto passerà dalla procura zurighese al Ministero pubblico della Confederazione

BERNA - La settimana prossima, l'inchiesta a carico dei due uomini di 18 e 24 anni di Winterthur (ZH), arrestati in relazione con l'attentato islamista a Vienna di lunedì, passerà dalla procura del Canton Zurigo al Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Devono solo ancora essere chiarite questioni organizzative.

Lo ha indicato a Keystone-ATS la stessa procura federale, confermando un'informazione pubblicata oggi dal SonntagsBlick.

I due sono già oggetto di due procedimenti penali per terrorismo condotti dal MPC. Il 24enne in uno dei due è incriminato. Il 18enne dal canto suo è incriminato in un'indagine della magistratura dei minorenni di Winterthur. L'Ufficio federale di polizia (fedpol) aveva già indicato martedì, il giorno dell'arresto, che i due uomini erano noti alle forze dell'ordine per procedimenti in ambito terroristico.

Nell'attentato di Vienna, rivendicato dal sedicente Stato islamico (Isis), sono state uccise quattro persone e 22 sono rimaste ferite, alcune delle quali gravemente. Il presunto attentatore è stato ucciso dalla polizia. Secondo il MPC, i due cittadini svizzeri arrestati a Winterthur lo conoscevano.

Assieme a fedpol, al Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), alla magistratura dei minorenni di Winterthur e al ministero pubblico cantonale di Zurigo, nonché in «stretta collaborazione» con le autorità austriache, il MPC sta ora chiarendo il rapporto tra gli uomini e «come sono state strutturate le loro relazioni con la Svizzera», ha indicato la procura federale.

A Winterthur gli islamisti hanno fatto più volte notizia. Ad esempio, l'imam della moschea An'Nur è stato condannato ed espulso in Somalia per i suoi appelli a uccidere i musulmani non praticanti. La moschea è poi stata chiusa. Diversi islamisti che sono stati successivamente condannati frequentavano il luogo di culto.

In settembre, l'autoproclamato "emiro di Winterthur" è stato condannato a 50 mesi di carcere dal Tribunale penale federale (TPF). Il TPF ha stabilito che aveva reclutato nella Svizzera tedesca jihadisti poi partiti in Medio Oriente. In precedenza, nel 2013, lui stesso era stato in Siria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
50 min
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
5 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
5 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
6 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
7 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
8 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
8 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
9 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
9 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
10 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile