Keystone
SVIZZERA
24.10.20 - 08:430
Aggiornamento : 11:50

«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»

Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.

Per l'epidemiologo non servono però nuove linee guida o un secondo lockdown. Occorre rispettare scrupolosamente le misure di base.

BERNA - L'epidemiologo Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19 della Confederazione, si dice allarmato sulla diffusione del coronavirus. Ogni giorno conta, dichiara in interviste al "Blick" e alle testate di CH Media.

«Vedremo gli effetti delle misure solo fra due settimane», dice Tanner al Blick. L'esperto chiede di limitare rapidamente i contatti e di continuare a rispettare rigorosamente le misure di base: lavarsi le mani, mantenere le distanze e indossare le mascherine. «Dopo l'isolamento, abbiamo avuto successo con questo», afferma.

Non serve emanare nuove linee guida, dice Tanner a CH-Media. «Abbiamo tre regole: igiene, distanza e mascherine». Se ne aggiungiamo altre cinque, «la maggior parte delle persone dirà: adesso basta!».

Nemmeno Tanner vuole un secondo lockdown. «Non vogliamo che la gente sia costretta a rinchiudersi e a sentirsi sola. Vogliamo che l'economia continui a funzionare e che i bambini vadano a scuola».

Evitare le folle - Tanner è particolarmente critico circa l'organizzazione di grandi eventi. «È lontano da tutti noi l'idea di diffondere la paura. Vi diciamo qual è la situazione e quali misure possiamo adottare per evitare un blocco a livello nazionale», prosegue il 67enne sul Blick.

L'esperto spiega il rapido aumento dei casi di coronavirus in Svizzera con l'arrivo della stagione fredda che ha portato a uno spostamento all'interno degli edifici. «E poi, nel corso dell'estate, siamo diventati più negligenti con le misure di base», osserva. Ciò è dimostrato dal fatto che ci sono state molte infezioni nelle famiglie e nelle feste private.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
3 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
4 ore
Terribile frontale in galleria, morto un automobilista
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
13 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
15 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
16 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
SVIZZERA
17 ore
La tappa svizzera del “treno europeo”
Si tratta dell'iniziativa “Connecting Europe Express” volto a promuovere la ferrovia nel continente
SVIZZERA
18 ore
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
SVIZZERA
19 ore
Collegialità violata, il Governo opta per il "no comment"
Il presidente Guy Parmelin non ha preso posizione sulle asserzioni del suo collega (anche di partito) Ueli Maurer.
SVIZZERA
19 ore
Strage di Zugo, un minuto di silenzio
Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile