Keystone
SVIZZERA
24.10.20 - 08:430
Aggiornamento : 11:50

«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»

Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.

Per l'epidemiologo non servono però nuove linee guida o un secondo lockdown. Occorre rispettare scrupolosamente le misure di base.

BERNA - L'epidemiologo Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19 della Confederazione, si dice allarmato sulla diffusione del coronavirus. Ogni giorno conta, dichiara in interviste al "Blick" e alle testate di CH Media.

«Vedremo gli effetti delle misure solo fra due settimane», dice Tanner al Blick. L'esperto chiede di limitare rapidamente i contatti e di continuare a rispettare rigorosamente le misure di base: lavarsi le mani, mantenere le distanze e indossare le mascherine. «Dopo l'isolamento, abbiamo avuto successo con questo», afferma.

Non serve emanare nuove linee guida, dice Tanner a CH-Media. «Abbiamo tre regole: igiene, distanza e mascherine». Se ne aggiungiamo altre cinque, «la maggior parte delle persone dirà: adesso basta!».

Nemmeno Tanner vuole un secondo lockdown. «Non vogliamo che la gente sia costretta a rinchiudersi e a sentirsi sola. Vogliamo che l'economia continui a funzionare e che i bambini vadano a scuola».

Evitare le folle - Tanner è particolarmente critico circa l'organizzazione di grandi eventi. «È lontano da tutti noi l'idea di diffondere la paura. Vi diciamo qual è la situazione e quali misure possiamo adottare per evitare un blocco a livello nazionale», prosegue il 67enne sul Blick.

L'esperto spiega il rapido aumento dei casi di coronavirus in Svizzera con l'arrivo della stagione fredda che ha portato a uno spostamento all'interno degli edifici. «E poi, nel corso dell'estate, siamo diventati più negligenti con le misure di base», osserva. Ciò è dimostrato dal fatto che ci sono state molte infezioni nelle famiglie e nelle feste private.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera avrà il vaccino all'inizio del 2021, ma sarà per tutti?
Le risposte ai principali interrogativi sui prodotti che promettono di sconfiggere il coronavirus
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
Telelavoro obbligatorio? Gli imprenditori non ci stanno
Venerdì il Consiglio federale dovrebbe annunciare una stretta sui provvedimenti anti-coronavirus
SOLETTA
9 ore
«Forse l'aggressione poteva essere evitata»
Domenica un uomo ha ferito con un coltello una 14enne in un bosco situato alle porte di Olten.
SVIZZERA
14 ore
«Nessuna limitazione per le stazioni sciistiche»
Un gruppo di parlamentari di destra chiede di non limitare le capacità dei comprensori a livello federale.
SVIZZERA
17 ore
Nuove tendenze dell'auto: una venduta su tre è un'ibrida o un'elettrica
In Svizzera non era mai successo prima, il 62% degli svizzeri non esclude di comprarne una prima o poi
GINEVRA
17 ore
Uber, batosta ginevrina
Respinto il ricorso contro una decisione del Canton Ginevra. Gli autisti sono «da considerare dipendenti»
SVIZZERA
18 ore
Epfl: le studentesse denunciano aggressioni e sessismo
Una ventina di denunce raccolte dal movimento Polyquity. Il Politecnico federale: «Le prendiamo sul serio»
SVIZZERA
19 ore
Definitivamente affossata la Legge sulle pigioni commerciali
Il Consiglio degli Stati ha deciso per la non entrata in materia dopo che il Nazionale aveva già bocciato la Legge.
SVIZZERA
19 ore
5G: Swisscom preme per accelerare i tempi
Il responsabile finanze: «Siamo fiduciosi che nel primo trimestre del 2021 il Datec darà istruzioni ai Cantoni».
SVIZZERA
20 ore
“Come stai vivendo la pandemia?” Agli svizzeri piace condividere
Sono più di 460 i contributi caricati su corona-memory.ch. «Una testimonianza per la storia della Svizzera»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile