Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
22.10.20 - 16:090
Aggiornamento : 17:16

Gli imprenditori non vogliono sentir parlare di lockdown

I sindacati invece chiedono più protezione per posti di lavoro e salari.

BERNA - L'Unione svizzera degli imprenditori (USI) non vuole sentir parlare di un nuovo lockdown per contenere la diffusione del coronavirus e sostiene quindi le misure adottate dal Consiglio federale domenica. Per l'Unione sindacale svizzera (USS) invece le misure sanitarie devono essere accompagnate da provvedimenti per salvaguardare i posti di lavoro e i salari.

Per i datori di lavoro la priorità assoluta rimane quella di non bloccare l'economia, afferma l'USI in un comunicato. Anche un mini-lockdown costerebbe alla Svizzera diversi miliardi di franchi, aggiunge citando Jan-Egbert Sturm, economista del KOF.

«Attualmente il numero di casi è molto preoccupante e i ricoveri in ospedale sono in forte progressione», sottolinea l'economista del KOF. A suo avviso, se la situazione continua a evolvere in questa maniera, un nuovo confinamento sarà ineluttabile. «Per andare avanti, politica, economia e società devono collaborare», afferma l'esperto, sottolineando come nuovi contagi non siano stati contratti soltanto nelle discoteche, ma anche sul posto di lavoro.

A suo avviso, le aziende sono ora molto più preparate a contenere la pandemia grazie ai concetti di protezione testati nella pratica. Per gli imprenditori le principali rivendicazioni riguardano la diffusione di test rapidi e affidabili, la riduzione del periodo di quarantena e l'obbligo mirato d'indossare maschere adeguate ai concetti di protezione esistenti.

I sindacati chiedono invece misure per proteggere i posti di lavoro e i salari. Solo in questo modo si potrà evitare che la seconda ondata di coronavirus provochi una serie di licenziamenti senza precedenti, afferma un comunicato. La situazione del mercato del lavoro attualmente è molto tesa visto che le persone in cerca d'impiego sono aumentate durante l'estate. Inoltre molte aziende hanno esaurito le riserve durante la prima fase della crisi. L'USS chiede quindi di garantire integralmente il salario dei lavoratori con retribuzioni basse e la possibilità di ricorrere al lavoro ridotto per il maggior numero possibile d'impieghi.

Per quanto riguarda le misure di protezione nelle imprese, i sindacati chiedono d'intensificare i controlli della Suva e degli ispettorati del lavoro cantonali, assegnando anche personale supplementare a questi compiti. Garantire la sicurezza dei posti di lavoro è responsabilità della Confederazione e dei Cantoni. I piani di protezione sono efficaci se applicati correttamente, ma non tutti i datori di lavoro hanno capito la gravità della situazione, sottolinea l'USS. I sindacati chiedono pure un "bonus coronavirus" e migliori condizioni di lavoro per il personale del settore sanitario e delle case anziani, in prima linea nella lotta contro la pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
58 min
Dramma familiare a Sierre: un morto
Durante la notte tra domenica 22 e lunedì 23 maggio, un adolescente ha ferito mortalmente la madre di 41 anni.
BERNA
1 ora
Maurer è contrario agli aiuti alle famiglie per il caro-energia
Secondo il consigliere federale «non ci sono soldi per questo».
GINEVRA
2 ore
Candidato per i Verdi? Tra i requisiti: non mangiare carne
«Non possiamo dire agli elettori di moderare i consumi dei derivati animali, se i nostri rappresentanti ne sono ingordi»
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Vandalo in manette a Wohlen: «Danni per centomila franchi»
Vetrine di negozi sfondate e parabrezza infranti: la polizia ha arrestato un 25enne italiano senza fissa dimora.
ZURIGO
15 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
16 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
16 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
18 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
19 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
19 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile