keystone
ARGOVIA
17.10.20 - 10:120

Coronavirus, Ueli Maurer: «Non cediamo all'isteria»

Secondo il ministro delle finanze un inasprimento generale delle regole non è opportuno.

Il consigliere federale invita a non concentrarsi unicamente sull'evoluzione del numero di nuovi casi.

AARAU - Non cediamo all'isteria di fronte al repentino aumento dei casi di coronavirus: è l'appello del consigliere federale Ueli Maurer. In un'intervista pubblicata oggi dal settimanale svizzerotedesco "Schweiz am Wochenende", il ministro delle finanze invita piuttosto ad analizzare i fatti e ad imparare a convivere con il virus.

Secondo Maurer, un inasprimento generale delle regole non è opportuno: «non è accettabile chiudere di nuovo le scuole e rinchiudere in casa le persone. Dobbiamo imparare a convivere con il virus attuando in maniera coerente le misure di protezione. Ma dobbiamo poter continuare a vivere!».

Il consigliere federale invita a non concentrarsi unicamente sull'evoluzione del numero di nuovi casi. Bisogna infatti considerare anche i ricoveri in ospedale e i decessi: solo poche persone sono finite all'ospedale solo a causa di Covid-19. Nella maggior parte dei casi i pazienti soffrivano di patologie preesistenti, aggiunge.

Finora la Svizzera - osserva il ministro delle finanze UDC - non ha gestito male la crisi del coronavirus: il paese ha trovato una sua strada piuttosto ragionevole. È importante continuare su questa via continuando a correggerne l'equilibrio strada facendo.

Il consigliere federale rileva che la pandemia è già costata molto cara al paese. Quest'anno i conti della Confederazione chiuderanno con un disavanzo ordinario di 3 miliardi di franchi invece dell'eccedenza prevista di 300 milioni di franchi. Stando alle stime, le spese straordinarie si aggireranno intorno ai 17,8 miliardi di franchi, precisa lo zurighese

Per il 2021, il Dipartimento federale delle finanze prevede un deficit di 2,6 miliardi di franchi, aggiunge Maurer, aggiornando le stime comunicate a metà agosto. Tale importo comprende le spese straordinari. "Per il 2022 prevediamo ancora un deficit di un miliardo di dollari", ma ci sono grandi incognite.

Attualmente, il costo totale della pandemia è stimato tra i 25 e i 30 miliardi di franchi. Il ministro delle finanze conferma quanto già dichiarato in precedenza: non ci saranno aumenti delle tasse e nessun piano di risparmio. Grazie al buono stato delle finanze federali, la Svizzera potrà ridurre il suo debito supplementare senza dover ricorrere a tali misure, aggiunge Maurer.

Ci vorrà comunque una forte disciplina finanziaria "perché una volta superata la crisi del coronavirus, il danno economico si protrarrà per anni".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 mese fa su tio
La festa degli Jodl con un migliaio di persone a Svitto ha lasciato il segno (contagi). Ministro, una volta la racconti giusta!
marco17 1 mese fa su tio
Mi capita raramente - molto raramente - di essere d'accordo con Ueli Maurer ma questa volta concordo con lui. Il numero di casi "positivi" non significa niente. Quello che conta è il numero di persone che sviluppano la malattia in modo da richiedere il ricovero e soprattutto le cure intense. Il resto (i contagiati, gli isolati, le persone in quarantena) sono cifre che non dicono nulla sulla gravità della pandemia.
Cane93 1 mese fa su tio
Che tristezza vedere sti politici correre dietro ai soldi fregandosene del popolo. Solo soldi,soldi!
Don Quijote 1 mese fa su tio
@Cane93 Dipende dai punti di vista, il rischio per la salute non è uguale per tutti come il rischio di rimanere senza stipendio e chiudere l'azienda famigliare non concerne tutte le persone. Nei paesi in via di sviluppo muoiono ogni anno quasi 6 milioni di bambini sotto i 5 anni perchè non hanno i soldi per i medicamenti necessari, tutto questo accade mentre lei, io e tanti altri siamo con i piedi al caldo in Svizzera. Almeno risparmiamo le false morali per convenienza personale. Maurer forse non è un altruista ma sicuramente è realista e sa ponderare, un po a te e un po a me.
Gus 1 mese fa su tio
Occupati dell'accordo con l'Italia che sarebbe meglio. Tanto quello che hai presentato ieri rappresenta un chiaro insuccesso con enormi svantaggi per il Ticino. E i Leghisti osannano! Ridicoli!
seo56 1 mese fa su tio
Davanti a una classe politica irresponsabile altro che isteria...
Corri 1 mese fa su tio
In parte giusto sig. Maurer, se la Confederazione ha perso qualche miliardo, quante c’è ne sono in cassaforte? Ma certe persone nel popolo stanno morendo di fame, non hanno niente nella loro cassaforte di frigo. Poi sicuramente la fattura la mandate alla Cina, così il beneficio sarà più colossale.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Per una volta gli dò ragione. Ma... "il consigliere federale invita a non concentrarsi unicamente sull'evoluzione del numero di nuovi casi" ora spiegatemi cosa significa "caso". Test positivo? Portatore sano? Malato? Ospedalizzati? Morto? Tutti quanti? E quali sono le proporzioni relative?
Don Quijote 1 mese fa su tio
@pillola rossa Quando il tampone rileva solo 4 molecole di virus che non sono le tue ma erano nell'aria e son finite nel tampone con il tuo nome, sei un caso malato come fossero le tue anche se non hai sintomi. Un neonato con mezzo cervello (un solo emisfero) senza polmoni e senza reni che, muore e gli trovano addosso 120 molecole di CV19, rientra nei casi di morte per CV19! Un anziano con 98 anni con diabete, ipertensione, Alzheimer, colesterolo e arteriosclerosi + CV19 è un altro caso di morte per CV19, non. I portatori sani non esistono. Nel caso del bambino e dell’anziano non serve l’autopsia per definire il motivo del decesso visto che era presente anche il virus. Un tampone rifatto 3 volte alla stessa persona sono 3 casi distinti.
pillola rossa 1 mese fa su tio
@Don Quijote La sequenza CTCCCTTTGTTGTGTTGT del marker del virus è contenuta anche nel genoma umano. Basta fare una semplice analisi BLAST per vedere che la sequenza si trova IDENTICA all'interno del cromosoma 8 di Homo sapiens (quindi di tutti noi) - se si cerca a fondo siamo tutti positivi...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
I pazienti Covid da girare «come i tacos»
All'ETH hanno trovato un metodo per girare su sé stessi i malati in cure intense. E ricorda il famoso piatto messicano
GRIGIONI
2 ore
Col tunnel di base, Grigioni più vicini a Milano
Ecco il potenziamento del trasporto pubblico nel cantone retico
SVIZZERA
3 ore
Axpo e CKW realizzano una mega-batteria da 50 tonnellate
Due di queste batterie giganti verrano utilizzate per aumentare la stabilità della rete elettrica svizzera
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 8'782 casi nelle ultime 72 ore
Da venerdì si registrano anche 399 nuovi ricoveri e 195 decessi
VIDEO
SVIZZERA
3 ore
Pittogrammi per salvare la privacy
La proposta dell'alleanza Privacy Icons mira a rendere più comprensibili le informative sulla protezione dei dati
SVIZZERA
3 ore
Caritas: «Più aiuti per i poveri del coronavirus»
L'organizzazione sottolinea l'importanza di fornire assistenza, soprattutto nella situazione attuale
SOLETTA
4 ore
Stuprata e ferita nel bosco, fermato un 37enne
Dalle prime informazioni la vittima sarebbe una 14enne
SVIZZERA
4 ore
Markus Blocher: «Non assumo nessuno che non sappia il tedesco»
Il CEO e presidente del gruppo chimico Dottikon ES si racconta in un'intervista
SVIZZERA
6 ore
Iniziativa sulle multinazionali bocciata, ma...
I media svizzeri concordano: gli imprenditori non devono sottovalutare il risultato "stretto" e la volontà del popolo
SVIZZERA
7 ore
«A prova di quarta ondata»
I costi dell'epidemia pesano sulle casse malati. Ma gli assicurati non hanno da temere. Parola di Philomena Colatrella
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile