Fondazione Svizzera di Cardiologia
+1
SVIZZERA
12.10.20 - 11:550

Riconoscere l'ictus può salvare vite

Al via la campagna di sensibilizzazione da parte della Fondazione svizzera di Cardiologia

Se si sa come intervenire quando compaiono i sintomi, si possono evitare decorsi gravi.

BERNA - Ogni 30 minuti una persona in Svizzera ha un ictus cerebrale. Ogni anno sono 16’000 persone. Un quinto muore e un terzo subisce gravi menomazioni, ma in molti casi l'infausto decorso potrebbe essere evitato. La Fondazione svizzera di Cardiologia ha lanciato una campagna nazionale per aiutare a riconoscere i sintomi di un ictus e salvare così delle vite.

La gravità delle conseguenze è spesso dovuto al fatto che i sintomi non vengono riconosciuti e che si reagisce nel modo sbagliato, si legge in un comunicato odierno della fondazione. Secondo un sondaggio effettuato per l'occasione, il 35% degli intervistati non è in grado di citare nemmeno uno dei tre principali sintomi dell'ictus e il 33% non conosce il numero 144 da chiamare in caso di emergenza.

Proprio per questi motivi le cure arrivano spesso troppo tardi. La campagna nazionale "Riconoscere l'ictus. Salvare vite" - che si basa su uno spot e sulla presenza online - si prefigge quindi di sensibilizzare la popolazione per permettere di reagire tempestivamente e correttamente.

I principali sintomi - La Fondazione Svizzera di Cardiologia mette in evidenza i principali sintomi della patologia, che vanno dalla paralisi facciale improvvisa, alla paralisi di braccia o gambe fino ai disturbi della parola o alla difficoltà di capire quanto viene detto. Se questi sintomi emergono bisogna immediatamente chiamare il numero di emergenza 144.

L'organizzazione, per rendere la sensibilizzazione ancora più efficace, in occasione della Giornata mondiale dell'ictus il 29 ottobre pubblicherà diversi contenuti sul sito www.ictuscerebrale.ch

Fondazione Svizzera di Cardiologia
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
24 min
Brucia una palazzina: quattro feriti
L'incendio è divampato la scorsa notte a Cressier: un ferito versa in gravi condizioni.
VAUD
1 ora
Venduta la villa dell'ex dittatore
La tenuta di Savigny, appartenuta a Mobutu Sese Seko, era stata acquistata all'asta da UBS nel 2016.
SVIZZERA
2 ore
Vaccinazioni: mai così tante dosi contro l'influenza
In Svizzera ne sono state ordinate 1,95 milioni, mentre lo scorso anno erano 1,18 milioni
GRIGIONI
4 ore
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
13 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
17 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
17 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
17 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
19 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
19 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile