Deposit
SVIZZERA
24.09.20 - 17:450

La penuria di medici di famiglia s'inasprirà fino al 2030, ma poi migliorerà

Lo sostiene l'Associazione Medici di famiglia e dell'infanzia Svizzera (mfe)

BERNA - In Svizzera la penuria di medici di famiglia peggiorerà ancora entro il 2030, ma poi fino al 2040 la situazione dovrebbe verosimilmente distendersi un po' grazie all'aumento dei posti di formazione.

Lo sostiene l'associazione Medici di famiglia e dell'infanzia Svizzera (mfe).

Un altro segnale incoraggiante è che la proporzione di generalisti di meno di 50 anni è salita dal 25% nel 2010 al 34% del totale, viene affermato in un comunicato odierno. Queste cifre provengono da uno studio condotto ogni cinque anni dal Centro universitario basilese per la medicina di base su mandato della mfe.

«Circa il 56% dei medici di famiglia che esercitano oggigiorno cesseranno la loro attività nei prossimi dieci anni», sottolineano però i ricercatori: Attualmente il 10% dei generalisti e il 5% dei pediatri attivi hanno più di 65 anni. In futuro il 39% dei medici di famiglia vuole andare in pensione solo dopo i 65 anni.

Lo scorso anno vi sono stati 1'089 diplomati in medicina umana; e lo studio considera realistico un incremento del 20% all'anno di tale cifra. Tuttavia se il numero dei diplomati dovesse seguire una curva simile, il numero dei medici di famiglia diminuirebbe comunque ancora del 16% fino al 2030.

«Nei prossimi dieci anni servono quindi circa mille medici supplementari per compensare la penuria», sostengono i ricercatori. Un miglioramento sembra comunque probabile entro il 2040.

L'associazione sostiene la mozione della consigliera agli Stati Marina Carobbio (PS/TI) «In Svizzera si devono formare più medici», approvata proprio oggi dai «senatori» con 20 voti contro 18 e 4 astenuti, mentre il Nazionale deve ancora trattarla: secondo la mfe servono però «in particolare più medici di famiglia e dell'infanzia» per continuare ad avere cure di base di qualità.

L'organizzazione ricorda inoltre che i generalisti e i pediatri sono alla base della seconda serie di misure del Consiglio federale, attualmente in consultazione, per frenare l'aumento dei costi della sanità. In questo contesto i medici di famiglia «devono essere il primo punto di contatto in caso di questioni legate alla salute».

Questi ultimi possono «risolvere definitivamente il 94,3% di tutti i problemi di salute e generano solo il 7,9% dei costi della sanità», afferma la mfe citando uno studio del 2016. Pertanto «è importante continuare ad investire nella promozione della successione e dell'attrattiva della professione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tip75 1 mese fa su tio
purché si faccia studiare gente residente e non si continui a prender lavoratori da fuori
Orso 1 mese fa su tio
Insomma..... vogliamo piu medici, che le casse malati continuino a pagare. Ci lamentiamo sempre e ora ci arrabbiamo perche le casse malati aumentano?? Ma dai!!!
Bandito976 1 mese fa su tio
@Orso Ma se ci sono più medici che bar!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
37 sec
Prilly, spara alla moglie e poi suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
SVIZZERA
2 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
3 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
5 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
7 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
7 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
SVIZZERA
9 ore
Sunrise-UPC: «È (praticamente) fatta»
L'acquisizione si appresta ad andare in porto: ora l'ex Cablecom controlla il 96.48% delle azioni dell'operatore.
SVIZZERA
9 ore
«Finalmente», «Era ora»: i giornali punzecchiano il Governo
Stampa elvetica critica riguardo alle decisioni «tardive» prese dal Governo per combattere la diffusione del virus.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile