Keystone
SVIZZERA
24.09.20 - 11:280

Il personale di volo vuole i test: «La quarantena ci danneggia»

Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.

L'incertezza causata dalla costante rivalutazione delle zone a rischio ha fatto crollare il mercato del trasporto aereo.

BERNA - Le associazioni del personale del trasporto aereo in Svizzera chiedono un sistema di test Covid-19 adeguato, in linea con quello degli Stati europei. L'attuale regime di quarantena crea un clima di paura di volare.

Rigide regolamentazioni unilaterali danneggiano il mercato del lavoro svizzero e innescano in modo irresponsabile adeguamenti strutturali. In tal modo si rischia già a breve termine licenziamenti evitabili, hanno criticato oggi in un comunicato congiunto il sindacato VPOD, il sindacato del personale di cabina Kapers, il sindacato del personale dei trasporti SEV e l'associazione del commercio (Kaufmännische Verband).

Quello che la Svizzera non è ancora riuscita a fare, altri Stati dell'Ue sembrano averlo già realizzato: la presentazione dei risultati negativi dei test Covid-19 e dei centri di test negli aeroporti consente di ottenere agevolazioni ed eccezioni alle norme vigenti in materia di quarantena.

Le associazioni del personale chiedono quindi un esame immediato per facilitare l'obbligo di quarantena. In Svizzera non dovrebbero esserci norme più severe che negli altri paesi europei. Test controllati sui viaggiatori che entrano in Svizzera da zone a rischio renderebbero la quarantena almeno in parte obsoleta, darebbero sicurezza di pianificazione ai passeggeri e ai fornitori di servizi e allo stesso tempo frenerebbero la diffusione del virus.

L'attuale crisi del coronavirus - sottolineano nel comunicato - mette l'aviazione di fronte a sfide inimmaginabili. Un fattore decisivo per l'attuale crollo del mercato è l'enorme incertezza di programmazione causata dalla costante rivalutazione delle zone a rischio. In pratica, questa incertezza induce i passeggeri ad astenersi dal visitare famigliari e amici, ma anche da viaggi di lavoro e dalle vacanze, per paura di una quarantena.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO GALLERY
SVIZZERA
3 ore
Incidenti e feriti: la Svizzera ancora sott'acqua
Il maltempo colpisce duro oltre Gottardo. Stazioni e negozi allagati, i pompieri lavorano senza sosta
SVIZZERA
7 ore
«Sui grandi eventi tante domande restano aperte»
La Taskforce Cultura si aspetta chiarezza su chi debba sostenere i costi per le infrastrutture dei test.
SVIZZERA
8 ore
«Ci aspettiamo una nuova ondata tra i non vaccinati»
Berset dopo l'incontro con i direttori cantonali della sanità: «La situazione è da tenere sotto controllo»
SVIZZERA
8 ore
La pandemia ha pesato di più sulle persone con un reddito basso
A sottolinearlo è un nuovo studio commissionato dalla Confederazione ed effettuato durante la prima ondata.
SVIZZERA
8 ore
Un anno di SwissCovid
Era il 25 giugno 2020 quando l'applicazione di tracciamento elvetica venne messa a disposizione della popolazione.
SVIZZERA
9 ore
Finisce la lezione e sparisce una sostanza radioattiva
Un campione di radio-226 è stato sottratto in una classe liceale che stava effettuando degli esperimenti.
SVIZZERA
10 ore
Contagi settimanali in calo del 47%
In sette giorni nel nostro paese sono stati registrati 1'235 casi. La variante Delta è al 3,8%
SVIZZERA
11 ore
Ci sono dieci vittime in più (ma non di oggi), i casi sono 120
Il totale degli ospedalizzati sale di 52, ma 40 provengono da registrazioni tardive. Il consueto bollettino dell'Ufsp
ZURIGO
13 ore
Colpo esplosivo a un bancomat di Eglisau
Nella notte i malviventi hanno preso di mira l'apparecchio, facendo saltare l'intera struttura in cui era installato
FOTO
SVIZZERA
14 ore
È il momento di dissotterrare le mutande mangiucchiate
In primavera Agroscope aveva chiesto d'interrarle in giardini e prati per valutare lo stato di salute del suolo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile